Dicembre 5, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cercano di rimuovere i termini razzisti nei toponimi negli Stati Uniti

WASHINGTON, 19 novembre (PRINSA LATINA) Il Segretario degli Interni degli Stati Uniti, Deb Haaland, ha annunciato oggi che il suo dipartimento esaminerà e sostituirà i termini degradanti dal punto di vista razziale utilizzati nei toponimi nei territori federali.

Haaland, il primo nativo americano a ricoprire questa posizione nel governo, dichiarò che il termine peggiorativo “Squaw”, usato per riferirsi alle donne indigene, era un termine dispregiativo e ordinò l’istituzione di procedure per sostituire tutti gli usi federali di quella parola.

La parola appare attualmente nella categoria di oltre 650 unità territoriali federali, secondo i dati del Council on Geographical Names.

Ha anche detto che sarà formato un comitato per analizzare altre qualifiche simili e tutti i possibili cambiamenti saranno sottoposti a consultazioni pubbliche e rappresentanti tribali, secondo la dichiarazione.

I termini razziali non hanno posto nella nostra lingua o nelle nostre terre federali. Haaland ha sottolineato che le terre e le acque della nostra nazione dovrebbero essere luoghi per celebrare la vita all’aria aperta e il nostro comune patrimonio culturale, non per perpetuare l’eredità dell’oppressione.

Il Ministero degli Interni ha adottato misure simili nel corso degli anni, inclusa l’eliminazione dell’uso di nomi di luoghi che contengono insulti a neri e giapponesi negli anni ’60 e ’70.

Montana, Oregon, Maine e Minnesota hanno già approvato leggi che vietano l’uso della parola “squaw” nei nomi dei luoghi.

Haaland, il cui mandato include il Bureau of Indian Affairs, all’inizio di quest’anno ha pubblicato una revisione dei collegi federali in cui i bambini aborigeni sono stati forzatamente collocati.

Suo nonno era un sopravvissuto della Carlisle Indian Industrial School in Pennsylvania, fondata nel 1879 dal capitano Richard Henry Pratt, che era un tentativo di integrare con la forza meno di 140 tribù nella cultura maggioritaria degli Stati Uniti.

READ  Avvertimento sull'intensità degli incendi nella regione della Yakutia in Russia

Pratt ha riassunto la missione di queste scuole con la frase “Uccidi l’indiano, salva l’uomo”.

rgh / dfm