Settembre 19, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Champions League: Sherif Tiraspol è il club “sin-bas” che cerca il campionato, crogiolo delle nazionalità

NSIl calcio moldavo, eliminato al 175° posto nel ranking FIFA e al 37° in UEFA, sta per assaporare Dolce gusto della Champions League grazie allo strumento Cherif Tiraspol. Un club di una provincia, la Transnistria, è stato coinvolto in un conflitto di identità radicato dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica negli anni ’90.

La Moldova è diventata indipendente dall’Unione Sovietica e la Transnistria dalla nuova repubblica nel 1990 Ciò ha portato a un conflitto militare che si è concluso nel 1992 senza risolvere il loro status politico. La Repubblica di Moldova Pridnestrovia, la cui bandiera brilla con la falce e martello sovietica, non ha il riconoscimento della comunità internazionale, ma funziona di fatto come uno stato avendo il suo parlamento, esercito e valuta …

La Moldova considera la regione sulle rive del fiume Dniester un’unità territoriale indipendente con uno status giuridico speciale all’interno del proprio paese. la zona Tirspol è la capitale della Moldova, con un terzo della sua popolazione di 500.000 abitanti e un gran numero di ucraini e russiParla tutte e tre le lingue.

Una regione in stallo internazionale dopo la caduta dell’Unione Sovietica, con interessi geopolitici, commerciali ed energetici, in cui le sue squadre giocano nei campionati moldavi. E alla Divizia Nationala, Lo sceriffo della Transnistria fa rispettare la sua legge: hanno vinto 19 degli ultimi 21 tornei E ora sono alle porte della fase a gironi dopo i campioni Hanno battuto la Dinamo Zagabria (3-0) nell’andata delle qualificazioni. Oggi discutono del ritorno del croato Maximir.

L’unica cosa che diventa strana quando andiamo a giocare a Chisinu è che la copertura mobile cambia e c’è un’altra valuta. Qui si usa il rublo e ci sono i confini con l’Ucraina e la Moldova. Siamo l’orgoglio della Transnistria e lo è anche il calcio moldavo. Siamo vicini a fare la storia” MARCHIO Gustavo Dulanto conferma. Il difensore peruviano, figlio di un ex nazionale che ha giocato per il Merida nel 1995, è uno dei capitani di una squadra con appena 24 anni che sta sfondando il tessuto del Teresball.

Qui si usa il rublo e ci sono i confini con l’Ucraina e la Moldova. Siamo l’orgoglio della Transnistria e lo è anche il calcio moldavo

Gustavo Dulanto, difesa onesta

Il club è stato fondato nel 1997 sotto l’egida dello Sharif. Un conglomerato imprenditoriale creato nel 1993 da Viktor Gushan e Ilya Kazmali – ex membri del KGB – Nata come società di sicurezza, ora si è trasformata in distributori di benzina, catene di supermercati, filiali nell’edilizia e nelle telecomunicazioni… un gigante commerciale “governante” in Transnistria che ha contribuito a sviluppare un progetto ambizioso contenente strutture moderne.

“È un club organizzato con molti servizi per i giocatori di calcio. Dà tranquillità”, afferma Dulanto, uno dei leader della Babel Tower. Nella gara di andata, contro la Dinamo Zagabria, hanno giocato giocatori provenienti da Moldavia, Grecia, Colombia, Ghana, Perù, Trinidad e Tobago, Lussemburgo, Mali, Slovenia, Bosnia, Malawi, Brasile e Guinea. “È un guardaroba molto allegro. Suonano musica e ballano molto. Ci sono molte nazionalità e si parla in inglese… ma anche in spagnolo. È una delle lingue madri dello sceriffo per i sudamericani che sono qui”, scherzi di Dolanto. Il peruviano è arrivato lo scorso febbraio e condivide uno stand con i colombiani Castaida, Zapata e Arboleda.

Camino “Eroi”

Al Sharif ha giocato quattro volte nella fase a gironi della European League (2010, 2011, 2014 e 2018), Ma per lui la Champions è la sfida più grande. “E’ stata dura. Abbiamo battuto l’Albania Tota al primo turno, l’Armenia Alashkert al secondo e campioni d’Europa come la Stella Rossa al terzo. Abbiamo vinto l’andata a Dinamo Zagabria! Gli avversari erano superiori, ma con passione e responsabilità li battiamo e siamo vicini alla meta”, sottolinea Dulanto.

Tutti abbiamo sognato di giocare in Champions League fin dall’infanzia. Giocare contro quelle grandi squadre sarebbe fantastico. Nessuno ce lo toglierà”.

Gustavo Dolante, difesa onesta

Incrocio con Real Madrid, Barra, PSG, Bayern, City… Non è più impossibile: “Abbiamo tutti questo sogno fin da bambini. Giocare contro di loro sarebbe fantastico. Nessuno ce lo toglierebbe”. C’è un nuovo sceriffo.

READ  Kyrgios e Murray si incontreranno a Winston-Salem