martedì, Giugno 25, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

ChatGPT torna in Italia dopo aver promesso trasparenza

Lo annuncia in un nuovo rapporto il garante italiano per la protezione dei dati personali OpenAI, la società statunitense che gestisce SatGBT. Sono consentite misure per il rispetto della privacy degli utenti di Internet e la riattivazione di strumenti di intelligenza artificiale.

A quasi un mese dal blocco del sito, l’azienda ha ottemperato alle richieste delle autorità italiane.

argomenti correlati

Il 31 marzo, le autorità hanno ordinato “l’implementazione immediata” dello strumento di intelligenza artificiale, accusandolo di violare la legge sulla protezione dei dati dei consumatori.

Il provvedimento, che sosteneva che ChatGPT “non rispetta la moralità della privacy”, è stato modificato dopo che il 12 aprile il garante ha inviato a OpenAI una serie di termini per garantire maggiore trasparenza.

Bloccandolo, l’organizzazione italiana si è lamentata il 20 marzo che Chat, una delle intelligenze artificiali emergenti più popolari in grado di simulare conversazioni umane, ne fosse stata colpita. Perdita di dati sui tuoi utenti e sui dettagli di pagamento dei tuoi abbonati.

Nel suo provvedimento, il garante italiano “manca di informazioni per gli utenti e per tutti gli interessati che raccolgono dati OpenAI”, ma “soprattutto Assenza di base giuridica che giustifichi la raccolta e l’archiviazione massicce di dati personali“.

Lo ha detto anche la commissione Le informazioni generate da ChatGPT “non corrispondono mai” alla realtà. E Nonostante il servizio fosse rivolto agli over 13, si è lamentato del fatto che non vi fosse “alcun filtro di alcun tipo” nel verificare l’età dei suoi utenti.

Il Giappone ama le regole

I ministri della digitalizzazione del G7 che si riuniranno questo fine settimana cercheranno di raggiungere un accordo sull’uso “appropriato” dell’intelligenza artificiale (IA).

READ  Osimhen, con una tripletta, si unisce ad Arnadovic come capocannoniere dell'Italia.

“Pur promuovendo lo sviluppo dell’IA, Ci sono rischi a seconda di come viene utilizzato, quindi è importante considerare le regole appropriate. Vorrei creare un documento su misure specifiche al riguardo”, ha dichiarato Takeki Matsumoto, ministro degli affari interni e delle comunicazioni del Giappone.

Dopo la riunione dei Paesi del G7 (Germania, Canada, Stati Uniti, Francia, Italia, Giappone e Regno Unito), è previsto un documento con le iniziative da intraprendere sulla gestione delle IA. Preoccupazioni per potenziali fughe di dati degli utenti,

“In un momento in cui la società digitale sta entrando in un periodo di grandi cambiamenti, È molto importante che il G7 ne discuta”.Il ministro giapponese ha aggiunto in dichiarazioni a NHK.

Più notizie

Le “startup” stanno anche rimodellando il settore sanitario

Sfide dell’essere Mauricio Liscano MinTIC

Aldobrandino Golino
Aldobrandino Golino
"Studente di social media. Appassionato di viaggi. Fanatico del cibo. Giocatore pluripremiato. Studente freelance. Introverso professionista."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles