venerdì, Giugno 21, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Chiavi sulle misure – Telemundo Miami (51)

SAN ANTONIO, Texas – Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato martedì un nuovo provvedimento esecutivo che mira a limitare il numero di persone che possono chiedere asilo alla frontiera con il Messico.

Sebbene non sia la prima volta che il governo democratico impone restrizioni per scoraggiare l’immigrazione, questa può essere considerata la misura più estrema adottata da Biden durante la sua presidenza e riflette le misure utilizzate dall’ex presidente repubblicano Donald Trump (2017-2021).

Come funzioneranno queste restrizioni?

Queste misure limitano temporaneamente l’accesso all’asilo al confine meridionale; Si attiverà quando il numero di attraversamenti irregolari supera un certo numero e si fermerà quando diminuisce.

Quando queste misure entreranno in vigore, consentiranno alle autorità di deportare le persone che attraversano illegalmente il confine nei loro paesi d’origine o di espellere le persone che attraversano illegalmente il confine in Messico, a meno che non dimostrino, secondo standard più rigorosi, che potrebbero essere soggetti a persecuzioni o torture se espulso.

Nello specifico, le restrizioni verranno attivate quando una media di 2.500 attraversamenti irregolari giornalieri delle frontiere supereranno un periodo di sette giorni.

Le traversate giornaliere hanno già superato questo numero, quindi entrerà in vigore “immediatamente”, secondo i funzionari in contatto con i giornalisti.

L’unico modo per eliminare le restrizioni è che il numero degli arresti scenda a una media di 1.500 al giorno per 14 giorni.



A causa della nuova ordinanza emessa dal governo statunitense, la frontiera con il Messico è stata immediatamente chiusa. Per vedere di più da Telemundo, visitare https://www.nbc.com/networks/telemundo

Questa riduzione è difficile da ottenere, poiché un numero così basso di arresti non veniva segnalato da luglio 2020, nel pieno della pandemia.

READ  Sottolinea l'influenza dell'America Latina nella lotta per il rilascio di Assange

“Una volta entrato in vigore, questo divieto potrebbe rimanere in vigore per molto tempo, considerando il gran numero di persone che arrivano al confine meridionale”, ha affermato Kenji Kizuka, esperto di asilo presso l’International Rescue Committee.

Per presentare domanda di asilo negli Stati Uniti mentre sono in vigore le restrizioni, una persona deve dimostrare che esiste una “ragionevole probabilità” che sarà soggetta a persecuzioni o torture se ritornata nel suo paese di origine.

Secondo gli esperti legali consultati dall’EFE, questo standard è molto più elevato di quello attuale e impone alle persone di fornire maggiori prove alle autorità di immigrazione alla frontiera, che sono i primi candidati per avviare una richiesta di asilo negli Stati Uniti.

Tuttavia, l’azione esecutiva prevede eccezioni e non si applica ai minori non accompagnati, né alle persone che possono dimostrare una grave emergenza medica, un pericolo imminente per la loro vita o la loro incolumità, o vittime della tratta di esseri umani.

Qual è la base giuridica?

L’ordine si basa sulla sezione 212(f) dell’Immigration and Nationality Act del 1965, che conferisce al presidente l’autorità di negare l’ingresso a determinati immigrati tramite ordine esecutivo se ritiene che il loro ingresso sarebbe “dannoso” per l’interesse nazionale. .

Trump ha invocato questa disposizione in diverse occasioni durante il suo mandato, compreso il divieto di ingresso di persone provenienti da paesi a maggioranza musulmana. Il governo repubblicano è stato colpito da numerose azioni legali da parte di organizzazioni per l’utilizzo di questo articolo.

I funzionari della Casa Bianca hanno dichiarato di essere già preparati per qualsiasi controversia legale e l’organizzazione per i diritti umani dell’American Civil Liberties Union ha annunciato che avrebbe impugnato la misura in tribunale.

READ  Il Primo Ministro del Vietnam si reca in Cambogia in visita ufficiale



Il presidente Joe Biden spiega le sue ultime azioni esecutive sull’immigrazione.

Quale impatto reale avrà sul confine?

Dalla revoca nel maggio 2023 della legge 42, una restrizione entrata in vigore durante la pandemia e che consentiva l’espulsione immediata dei migranti verso il Messico, l’amministrazione Biden ha implementato diverse misure per limitare chi può chiedere asilo negli Stati Uniti e deportare più persone.

Tuttavia, secondo gli esperti consultati dall’EFE, l’impatto reale di queste misure è limitato perché gli Stati Uniti non hanno la capacità di esaminare rapidamente le richieste o di deportare o detenere tutte le persone che arrivano alla frontiera.

Gli Stati Uniti hanno attualmente un accordo con il Messico per rimpatriare circa 30.000 migranti al mese, ma solo quelli provenienti da Cuba, Haiti, Nicaragua e Venezuela.

“Semplicemente non ci sono molti aerei” per effettuare le deportazioni, ha detto a EFE Adam Isaacson, un esperto dell’Ufficio di Washington per gli affari latinoamericani.

Ciò che sta accadendo finora è che le autorità statunitensi consentono a queste persone di entrare nel paese mentre la loro richiesta di asilo è in corso di elaborazione in tribunale.

Così passano anni prima che abbiano l’opportunità di presentarsi davanti a un giudice e scoprire quale sarà il loro futuro, secondo Aaron Reichlin-Melnick, analista dell’American Immigration Council.

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles