Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Chiedono chiarimenti sulle minacce militari alle elezioni in Brasile

Secondo la fonte, se verrà confermata l’azione militare contro il ritorno alla normalità del processo elettorale, il colosso sudamericano perderà l’accesso ai fondi americani per aiutare l’estero.

Il politico democratico statunitense Tom Malinowski, un rappresentante del New Jersey, ha presentato una proposta per modificare il bilancio annuale della difesa del suo governo per riferire sulle prestazioni degli ufficiali nazionali in uniforme.

Brazil Wire ha rivelato che anche altri cinque legislatori democratici stanno firmando l’iniziativa, che è ancora in via di votazione alla Camera dei Rappresentanti.

I legislatori nordamericani vogliono sapere se i padroni di casa brasiliani stanno lavorando per “manipolare o annullare” i risultati di un’elezione equa.

Allo stesso modo se lavorano per “interferire, boicottare o ostacolare” il conteggio dei voti da parte delle autorità elettorali indipendenti.

Raccolgono anche informazioni sulla partecipazione dei militari a un potenziale “sforzo coordinato” di comunicazione per minare la fiducia della popolazione nelle autorità elette o mettere in discussione i risultati del sondaggio.

Allo stesso modo, se utilizzano i social network o altri mezzi per cercare di “influenzare le opinioni” a favore di un “risultato specifico”.

Infine, i membri del Congresso vogliono sapere se le forze armate “incoraggeranno, inciteranno o faciliteranno le attività o le proteste fisiche di rivolte in connessione con i processi elettorali”, prima o dopo le elezioni presidenziali previste per il 2 ottobre.

Il portale di notizie locale specifica che se il rapporto specifica il coinvolgimento dei militari in alcuni di questi punti legati alle elezioni, il Brasile potrebbe essere soggetto a sanzioni.

Se infatti il ​​documento ufficiale dimostra il “ruolo decisivo” delle forze armate brasiliane nel tentato “golpe”.

Durante una conferenza negli Stati Uniti, il ministro Edson Fachin, presidente del Tribunale elettorale supremo, mercoledì ha predetto che il Brasile avrebbe attraversato un evento più imbarazzante di quello accaduto nel Paese settentrionale lo scorso anno.

READ  Cuba ha avuto una voce forte all'Ottavo Vertice delle Americhe

“Potremmo avere un episodio più grave di quello accaduto in Campidoglio”, ha avvertito Fachin all’evento organizzato dal Wilson Center.

Centinaia di sostenitori dell’ex presidente Donald Trump hanno invaso il Congresso il 6 gennaio 2021 nel tentativo di impedire a Joe Biden di vincere il voto.

E ha provocato il tentativo di colpo di stato, incoraggiato dai repubblicani, con la morte di cinque persone e il ferimento di decine di uomini della sicurezza.

rgh / ocs