Agosto 9, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Chiedono la fine della persecuzione giudiziaria del vicepresidente argentino

A seguito di un ricorso dell’ex presidente Mauricio Macri (2015-2019), la Corte orale federale 2 ha avviato un procedimento contro Fernandez per presunti illeciti nell’affidamento di 51 lavori pubblici nella contea di Santa Cruz tra il 2003 e il 2015.

In più occasioni, il presidente del Senato lo ha anche denunciato come vittima di un’accusa senza precedenti e ha osservato che il tribunale di questo distretto ha archiviato il caso per mancanza di reato.

Attraverso una dichiarazione, organizzazioni come le Nonne e le Madri della Plaza de Mayo Linea Fundadora, i parenti degli scomparsi e detenuti politicamente, la Lega Argentina per i Diritti Umani, la Commissione per la Memoria, la Verità e la Giustizia della Regione Nord, tra gli altri, hanno condannato questi azioni e ha chiesto la riforma del sistema giudiziario.

Esprimiamo la nostra preoccupazione per la persistenza di tali pratiche contro i leader contrari al neoliberismo. A partire dal governo Macri, sono stati utilizzati vari casi per molestare figure politiche simboliche e un importante gruppo di combattenti sociali, afferma il testo.

Aggiunge che Lawfare viola i principi di base dell’ordine democratico ed è usato per intimidire e minacciare il vicepresidente con condanne definitive, che sono accompagnate da una frenesia mediatica incoraggiata da una forza economica centralizzata che cerca di ripristinare le politiche neoliberiste.

Allo stesso modo, sollecita la costruzione di un sistema giudiziario che controlli il benessere delle persone e non attacchi i loro leader.

Da parte loro, le organizzazioni dei pensionati e dei pensionati hanno avviato una procedura davanti alla Convenzione nazionale per esprimere il loro sostegno a Fernandez e criticare la diffusione di bugie al fine di giustificare l’aggressione nei suoi confronti.

READ  Perché così tanti francesi votano per l'estrema destra Le Pen?

A sua volta, il procuratore generale Lionel Gomez ha chiesto l’arresto di un uomo che ha minacciato di uccidere il vicepresidente durante un attacco al Patria Institute il 21 luglio.

“Christina, ora tocca a te riattaccare, è l’unico modo per liberarti di te. Lo faremo qui o davanti al Senato.

Inoltre, ha invitato le forze armate a “definirsi” e ha sollecitato l’uso delle mitragliatrici per “liquidare” i seguaci del kirchnerismo.

Gomez ha anche chiesto che gli agenti di polizia della città fossero indagati per un insabbiamento.

ACL/gas