Gennaio 31, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Ci sarà sempre spazio per proporre miglioramenti all’accordo” «Diario y Radio Universidad Chile



Il presidente e la Camera dei rappresentanti hanno affermato che “non ho dubbi che quanto firmato sarà d’accordo, e credo che la grande maggioranza – non posso alzare le mani per sparare per tutti – manterrà la parola promessa”. .

Lunedì 26 dicembre 2022 11:53

Il presidente della Camera dei Deputati e dei Rappresentanti, Vlado Mirošević, ha indicato le sue aspettative rispetto all'”Accordo Cile”, la cui analisi inizierà questo pomeriggio in Commissione Costituzione del Senato.

In merito al dibattito che si svolgerà, il parlamentare ha dichiarato a Radio Koprativa: “Direi, in generale, che in Congresso ci sarà sempre spazio per proposte di miglioramento, data la diversità delle forze politiche. Tuttavia, non ho dubbi che quanto firmato verrà approvato, e credo che la stragrande maggioranza – non posso mettere le mani sul fuoco per il bene di tutti – manterrà la parola promessa.

Il tempo dei commenti e delle proposte di cambiamento è passato, e quello era nei negoziati. Ciò che resta oggi, ha sottolineato, è mantenere la parola affinché nel 2023 il Cile possa redigere una nuova costituzione nel modo più semplice possibile.

Il parlamentare ha difeso l’accordo e ha spiegato che “nessuno ha un accordo perfetto. Parte della definizione di un accordo è che rinunci a una parte e ne prendi un’altra; nessuno può imporre il 100% dei propri standard, non è possibile o auspicabile .”

READ  Uno dalla sandbox, disponibile dal 14 dicembre

Ha spiegato che “i 50 membri (del Consiglio costituzionale) saranno quelli con maggior potere nella determinazione del testo, perché saranno loro che potranno finalmente definire le regole. Gli esperti avranno un importante ruolo di accompagnamento, ma rimarrà secondario rispetto a coloro che sono eletti dal popolo”.

Ha sottolineato che nel referendum di settembre “la vittoria del rifiuto ha significato abbassare le aspettative”, di fronte al programma del governo di Gabriel Borik, oltre al messaggio: “Attenzione, c’è qualcosa che lo Stato mostra e abbiamo quello che vediamo”.

“Al di là del contenuto specifico, ho l’impressione che la gente rifiuti un tono, un certo stato d’animo, una storia e un’estetica che ha spaventato la stragrande maggioranza” e ha sottolineato che queste caratteristiche “non sono presenti nel governo”.

“Questo secondo, e forse ultimo, tentativo, oserei dire, sarebbe uno spazio per andare verso dei minimi comuni: forse non sarebbe un testo in cui potremmo mettere tutti i contenuti; e che la costituzione dovrebbe essere un minimo , e avere una definizione comune, e da lì sarebbe Ognuno ha le proprie idee politiche.”

Ha aggiunto che “dobbiamo aspettarci che sia una costituzione inferiore alle convenzioni fondamentali della civiltà repubblicana”.

Foto: Agenzia Aton.

Seguici