Agosto 15, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ciclista colombiano tira a sorte agnelli per raccogliere fondi in Italia | Ciclismo

In Colombia, è normale che alcuni atleti non abbiano risorse sufficienti per viaggiare in altri paesi per competere nelle rispettive discipline. Allo stesso modo, alcuni di loro non hanno il supporto di aziende pubbliche o private per ricevere finanziamenti e rappresentare il proprio Paese all’estero. Questa è la situazione in cui un giovane ciclista di nome Brian Malavar ha dovuto recarsi in Italia.

Il corridore 20enne, nato a Cyambita, Boyacá, città riconosciuta come la culla del Giro d’Italia e del campione della Vuelta a España Nairo Quintana, sta attualmente guidando un agnello con l’intenzione di raccogliere agnello. Gli otto mesi di permanenza nel Paese in cui fa parte della squadra amatoriale Trevijiani Campana richiederanno soldi per un visto italiano e una licenza della federazione.

Come ha detto Brian a Caracol Sports, l’animale piegato viene allevato nella stessa fattoria in cui vive la sua famiglia. Lo fa da un anno o due quando ha lasciato la sua casa per la prima volta (all’età di 18 anni) per gareggiare nella regione europea. Tuttavia, il Malawi è sorpreso di vedere la dinamica diffondersi quest’anno perché in precedenti occasioni era in grado di vendere i biglietti solo a persone che conosceva.

“Compriamo un agnello. Il prezzo del biglietto è di 10.000 dollari e avrà la forma di una ‘tapida’, ovvero un boa constrictor in cui ogni partecipante sceglie una birra e un numero maggiore di birre.

Chiunque sia interessato ad aiutare Bryan Malavar può contattarlo tramite il suo account Instagram (brayan.malaver). La lotteria può essere annullata tramite la piattaforma Nekvi o tramite la Daviplotta. La lotteria avrà luogo il 30 gennaio, prima che Brian parta per l’Europa a metà febbraio.

Brian Malawer, ciclista colombiano

Instagram: @ brayan.malaver

Come è stato il processo di vendita dei biglietti?

READ  L'ubriacone senza indizi sale senza attrezzatura per 2.400 metri nelle Alpi

“Non possiamo vendere così tanti biglietti qui in città perché la gente pensa che sia un po’ caro, io ho acquirenti, ma non ho bisogno di quei soldi, ma c’è chi mi dice che lo sono. Lo terrò solo .”

La tua squadra non ti ha dato le prove per lasciare il Paese?

“Il mio team non può pagarmi per rilasciare questo visto o licenza perché lavora in Italia. L’alloggio e il cibo mi aiuteranno durante gli otto mesi in cui sono stato in questo Paese con loro”.

A quale organizzazione eri più vicino in Colombia?

“Da giovane ero con la Esteban Chaves Foundation. Mi hanno aiutato a trovare una squadra in Europa. Anche quest’anno mi hanno aiutato a comprare dei biglietti, ma è stato molto difficile per loro aiutarmi con la questione del visto”.

A quali gare partecipi in Italia, con quale squadra?

“Ho 23 anni e da quest’anno mi unirò alla Trevijiani Campana. La gara più importante a cui ho intenzione di partecipare è il Giro de Italia Under 23. Spero di poter fare una buona presentazione per la partecipazione”.

Perché lasciare una squadra dall’Italia?

“Se ci fosse una squadra continentale nel paese, spero che molti di noi non dovrebbero lasciare la Colombia e cercare opportunità altrove. Con la squadra colombiana le cose sarebbero più facili, ma basta. Separarsi dalla famiglia. È molto difficile, altre usanze, essendo in un’altra lingua aggiunto. Ho imparato bene la lingua e posso difendermi. “

Brian Malaver
Età: 20 anni
Luogo di nascita: Kompita, Boyaka
Squadra attuale: Trevijiani Campana, dall’Italia
Squadre precedenti: Aran Cucine Vejus e Esteban Chaves Foundation
Esperienza: Giro d’Italia Sub-23 al 26° posto nel 2021

READ  Promettono in Italia che Alexis Sanchez non continuerà all'Inter la prossima stagione