Febbraio 8, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

CILAC è un meccanismo per affrontare sfide comuni

L’Avana, 22 gennaio (America Latina) Un funzionario del Ministero degli Esteri cubano ha detto oggi che la presenza della Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi (CELAC) rende la regione più indipendente, sovrana e rilevante nella sfera internazionale.

Secondo il Direttore Generale per gli Affari Multilaterali e il Diritto Internazionale del Ministero degli Affari Esteri, Rodolfo Benitez, sin dalla sua creazione 11 anni fa, questo meccanismo di integrazione ha compiuto passi forti verso l’unità, anche quando il suo lavoro non è stato privo di sfide.

L’esperto ha sottolineato che il settimo vertice della CELAC, che si terrà martedì prossimo a Buenos Aires, in Argentina, sarà l’occasione per rafforzare l’unità di base per affrontare le grandi sfide del mondo di oggi.

In un’intervista con il team di stampa che accompagna il presidente Miguel Diaz-Canel a Buenos Aires per partecipare al vertice, Benitez ha delineato il contesto regionale e globale altamente complesso caratterizzato da una crisi multidimensionale.

Ciò include le aree dell’energia e del cibo, ha affermato, ed è stato esacerbato dalla pandemia di COVID-19, tra gli altri fattori che hanno causato una battuta d’arresto economica. La nostra regione, che era la più diseguale del mondo prima della pandemia, ne esce con una disuguaglianza maggiore di quanto non abbia già vissuto – e ha considerato – e ha sottolineato che questa crisi sanitaria ha anche dimostrato che la soluzione ai problemi dei Paesi di il mondo nella regione non verrà dall’estero.

L’esperto ha sottolineato che in mezzo a tale scenario, la formazione politica regionale è favorevole per la presenza di governi più progressisti, più focalizzati sulla giustizia sociale, con una maggiore consapevolezza dell’importanza della costruzione del consenso e dell’integrazione regionale.

READ  Cuba difende la "solidarietà climatica" al vertice sul clima (COP 27)

In questo senso, ha evidenziato il lavoro positivo dell’Argentina alla guida del CELAC durante l’anno 2022, che ha permesso la continuazione del processo di rivitalizzazione iniziato sotto la presidenza del Messico, nel gennaio 2020.

Ha detto che un tale sforzo sarebbe rafforzato dalla reintegrazione del Brasile nel blocco, dopo la sua partenza nel 2020, sotto la presidenza di Jair Bolsonaro.

JCM/EVM