Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cinque gioielli nascosti alle Cinque Terre, nella Liguria italiana

Anche se può sembrare così, non è un set dipinto a colori per un film italiano degli anni ’60 o ’70, nemmeno come mostrano molte foto promozionali, ed è stato restaurato così spesso che è interessante perché qui, ancora una volta, la fotografia supera esso. Esagerazione.

Le Cinque Terre sono reali, un posto bellissimo sulla ripida costa nord-occidentale italiana della regione Liguria, preservato grazie all’armonia naturale e amorevole in cui gli italiani hanno potuto vivere per secoli con il suo grande patrimonio storico.

Questa spiaggia ha il suo tesoro speciale tra questi cinque comuni vicini, una bellissima spiaggia con una caratteristica naturale che appare dalla terra come cinque costoni rocciosi… Un altro: completamente colorato in mille allegre sfumature, qualcosa che è diventato un simbolo della loro identità , dagli anni Sessanta.

Il tempo, l’erosione del vento e le saline diffondono quella vecchia patina e la natura circostante continua ad essere il suo miglior supporto.

Si possono visitare in un solo giorno, ma maratona, oppure fermarsi un po’ e godersele con calma: Monterosso, le sue spiagge; Vernazza, con le sue strette e trafficate vie di pescatori; Corniglia, paesaggio; Manarola, che cade come una cascata dai mille colori tra le sue scogliere, e Riomaggiore, il capoluogo più grande.

Altra attrattiva è dimenticare l’auto per visitare questi comuni in quanto la circolazione è stata per lungo tempo interdetta a causa delle particolarità del terreno. È facilmente raggiungibile in treno dalla città portuale più vicina di La Spezia (ovest) in mezz’ora o da città vicine come Genova (a nord di La Spezia), Pisa (est). ) o Luca (all’interno).

Monterosso al Mare, la più turistica del mare e della spiaggia, le Cinque Terre, con il suo famoso piccolo crinale a strapiombo sul mare.

(Amalia González Manjavacas/EFE)

Un’altra attrattiva della zona è passeggiare tra gli uliveti e i vigneti, i vigneti che producono buoni vini da degustare la sera in questo Eden ricco di natura, colori, sapori e sensazioni, in quanto ricco di sentieri escursionistici. Qualsiasi immagine di Rossellini è un amante dell’Italia che la fa sembrare un amore sinceramente bello e spontaneo.

READ  Mondiali U19: l'Argentina batte l'Italia e arriva quinta :: El Litoral - Notizie - Santa Fe - Argentina

Ma non sempre tutto è così bello e bello. Per secoli le Cinque Terre furono completamente isolate a causa dell’inaccessibilità della sua geografia e di quei piccoli borghi si sapeva molto poco durante il medioevo. Dal XVI secolo Genova, sotto la guida della famiglia Doria, ottenne il predominio politico e militare. Fu allora che i suoi chilometri inespugnabili di costa impedirono gli attacchi ottomani con enormi bastioni difensivi.

Fino all’Ottocento, con la costruzione e l’ampliamento della ferrovia, questi paesi non erano collegati alla vicina stazione di La Spezia.

Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso al Mare compongono il Parco Nazionale delle Cinque Terre -dichiarato Patrimonio dell’Umanità nel 1997-, chilometri di sentieri e strapiombi a strapiombo, finora riusciti a limitare il turismo di massa. L’utilizzo di questa linea ferroviaria come accesso principale aiuta a mantenerla come destinazione sostenibile.

Riomaggiore, capoluogo delle Cinque Terre

La città più popolosa dell’intera regione delle Cinque Terre è considerata il suo capoluogo. Nonostante dipenda dal turismo, Riomaggiore ha ancora il sapore di un villaggio di pescatori. Le tipiche case a torre situate sulla ripida costa, dipinte alternativamente di rosa, rosso, zafferano… vi invitano a gustarle ea passeggiare lungo le ripide stradine fino a raggiungere la torre dell’orologio o ad appoggiarvi su di essa. Spiagge rocciose.

Si trova accanto a Monterosso, paese di grande tradizione, per questo vale la pena salire le sue pendici fino alla chiesa di San Juan Bautista per raggiungere il castello, che è più potente di quanto sembri dal basso. E per vivere la natura, la passeggiata alla torre della Guardiola, il suo panorama… o via dell’Amore, il bellissimo sentiero che collega Riomaggiore a Manarola.

READ  L'Italia ribadisce di scendere a compromessi con OTAN ante crisi in Ucraina

Manarola, un paesino molto pittoresco

Manarola è il brand più fotografato delle Cinque Terre.

Manarola è l’immagine più fotografata delle Cinque Terre, che sfociano nel Mar Mediterraneo. Regione Liguria. Italia. Foto: Amiya Osuna

(Amaya Osuna/EFE)

Considerata la città più bella, Manarola si distingue per il fatto di sorgere alla fine di un ruscello sospeso tra le rocce. Case dai colori accesi e alternati, raggruppate in una cascata, a ridosso del mare, questa è l’immagine più famosa delle Cinque Terre, oro eterno alla luce del tramonto, una riaffermazione del colore e del gusto intrinseco della sua gente. Sa conservare il suo patrimonio coniugando apparenti disordini estetici e di matrice mediterranea.

Le sue strade ripide sono fiancheggiate da negozi, artigiani e ristoranti. Lì puoi rinfrescarti con un normale Aperol Spritz. Ma è il migliore dei vigneti della città che produce il famoso Sciachetrà, un vino da dessert amato sia dai locali che dai turisti, e che inserisce Manarola nella mappa dei vini d’Italia.

Corniglia, senza mare, tra ulivi e viti

Altissima, piccola e scarsamente popolata e l’unica senza accesso al mare, Corniglia è meno visitata, più tranquilla e offre una vista panoramica sugli altri paesi.

Situate su un estuario, completamente isolate da uliveti e viti, queste enclavi sono un luogo in cui riflettere su come sono sopravvissute ai tempi antichi.

Visita una, due, tre... o tutte le Cinque Terre e avrai tutto quello che potresti chiedere

Visita una, due, tre… o tutte le Cinque Terre e troverai tutto ciò che puoi chiedere in una città sulla costa italiana bagnata dal Mediterraneo. Dimenticare l’auto è obbligatorio, non necessario!. EFE/Foto Amiya Ozuna.

(Amalia González Manjavacas/EFE)

Con una lunga scalinata di 377 gradini, la ricompensa è immergersi nel proprio universo rurale, il cui fulcro è Largo Taraggio, una piccola piazza che costituisce la spina dorsale di questo incantevole luogo agricolo ricco di storia.

READ  Altri giochi | Italia e Grecia inciampano prime a Budapest per le nazionali

Vernazza, il porto invincibile

Un villaggio di pescatori con vicoli scoscesi, case con ampie finestre e vialetti con tende da sole e balconi fioriti…

La sua chiesa romanica si staglia da ogni angolazione, con il suo alto campanile ottagonale, e dimora del poeta italiano Eugenio Montel, vincitore nel 1975 del Premio Nobel per la Letteratura.

Il porto meglio conservato di tutti conserva ancora le sue due torri difensive, con le quali domina il panorama. Al suo apice si trova il Castello dei Doria, un intero castello costruito da una delle famiglie più antiche e famose di Genova. Pertanto, la sua torre non può essere presa.

Monterosso al Mare, Grande Spiaggia

Monterosso, il più settentrionale dei paesi delle Cinque Terre e

Monterosso, il paese più settentrionale delle Cinque Terre, è uno dei più acclamati per le sue spiagge e per l’offerta alberghiera. Divisa da una piccola facciata vista mare. EFE/Amaya Osuna

(Amalia González Manjavacas/EFE)

Monterosso, sul versante settentrionale delle Cinque Terre, è una delle località più acclamate per le sue spiagge e per l’offerta alberghiera. Separata da un piccolo promontorio a picco sul mare, la zona nuova ospita la stazione ferroviaria, la spiaggia di Fezina e gli hotel.

Marittima al cento per cento, porto, mercato del pesce e fondale per la pesca delle acciughe famoso in tutto il paese, si distingue per la spiaggia del cinema, con la famosa amaca a pagamento, fotografata.

Dopo una piacevole passeggiata in salita di non più di dieci minuti fino al mare, ci aspetta la Chiesa di San Juan Bautista, un Duomo in miniatura con marmo di Carrara e un convento dei Cappuccini, la cui facciata ricorda il Duomo di Genova. La serenità che offre il luogo è rafforzata da un’altra strepitosa vista panoramica.

Portovenere, sesto su cinque!

Derivato dall’antica villa romana, Portus Veneris, tempio dedicato a Venere, Venere, capolinea finale della via costiera, è considerata la sesta terra delle Cinque Terre, a 12 km da La Spezia.

Tra Genova e Pisa ci sono cinque pittoreschi paesini tra le colline

Tra Genova e Pisa ci sono cinque pittoreschi paesini tra le montagne e la costa mediterranea della regione Liguria. Queste sono le Cinque Terre: Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso al Mare, tutte nel raggio di una ventina di chilometri. Foto: Amiya Osuna

(Amalia González Manjavacas/EFE)

Spiaggia color smeraldo con varie grotte visibili da lontano, la più famosa è chiamata Lord Byron’s Grotto, proprio colui che gli diede fama, che navigò e meditò l’eccentrico poeta e avventuriero inglese. rivoluzione fino alla sua morte nel 1824 in un remoto villaggio greco.

La sua morte prematura all’età di 36 anni trasformò l’idealista aristocratico inglese in un martire per la libertà, consacrandolo come il più grande eroe romantico del 19° secolo. Come un pellegrino, qualcosa di quello spirito inonda i visitatori quando arrivano alle Cinque Terre.