venerdì, Giugno 14, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Circa 300.000 palestinesi sono fuggiti da Rafah dopo l’attacco israeliano

Nel suo conto

“Non esiste un posto sicuro dove andare”, ha ripetuto tre volte la fondazione su quel social network, per sottolineare che non esiste una zona sicura in questa enclave costiera, che è sotto il fuoco israeliano dallo scorso 7 ottobre.

Anche il commissario generale dell’UNRWA Philippe Lazzarini ha messo in dubbio gli attacchi militari e lo sfollamento della popolazione civile.

Ha aggiunto: “Le autorità israeliane continuano a emettere ordini di sfollamento forzato (…), costringendo i residenti di Rafah a fuggire ovunque e ovunque”.

Egli ha sottolineato che dall’inizio della guerra la maggior parte degli abitanti di Gaza sono stati costretti a fuggire più volte a causa degli attacchi.

Ha sottolineato che hanno cercato disperatamente una sicurezza che non hanno mai trovato, e che alcuni non hanno avuto altra scelta se non quella di rimanere nei rifugi bombardati.

Ha detto che l’affermazione di “aree sicure” è falsa e fuorviante, poiché non esiste un posto sicuro a Gaza.

Anche Louise Waterridge, portavoce dell’UNRWA nella Striscia di Gaza, ha condannato lo sfollamento forzato dei residenti.

Solo due giorni fa, tutta la zona occidentale di Rafah era piena di rifugi temporanei uno accanto all’altro, ma questa mattina si può vedere la sabbia, mentre le famiglie fanno le valigie una per una, lasciando le loro cose sul ciglio della strada. La strada e la fuga, scrive il funzionario della città

Il funzionario ha inoltre confermato l’espulsione dei palestinesi da vaste aree del campo profughi di Jabalia settentrionale, dove risiedono tra 100.000 e 150.000 cittadini.

Negli ultimi giorni la tensione è aumentata attorno a Rafah, città affollata da più di un milione di persone.

READ  Il ministro degli Esteri venezuelano arriva a Cuba per partecipare al XX Summit ALBA-TCP

Lunedì le forze israeliane hanno effettivamente occupato l’omonimo valico di frontiera, che negli ultimi sette mesi era servito come unico passaggio di Gaza per cibo, medicine e carburante.

L’esercito ha poi diviso la città in due parti nell’ambito dell’offensiva contro Hamas, tra le dure critiche internazionali per i timori di un massacro diffuso tra la popolazione civile.

Nota/rapina

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles