Novembre 27, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Codere riporta le entrate pre-Covid per la prima volta nel terzo trimestre | comp

Due anni e mezzo dopo l’inizio della pandemia, Codere è riuscita a riportare la propria attività ai livelli che aveva prima della crisi sanitaria. La società di gioco ha realizzato ricavi per 343,4 milioni nel terzo trimestre, quasi il 100% del volume delle vendite dello stesso periodo del 2019, grazie alla forte ripresa del suo business in mercati chiave come l’Argentina o il Messico.

Sia ad agosto che a settembre, infatti, il margine di gioco, ricavo al netto dei premi, ha superato i livelli degli stessi mesi del 2019, attestandosi rispettivamente al 102% e al 104%, come riportato nella presentazione trimestrale dei risultati.

La prima è cresciuta del 146% nel trimestre, portando un fatturato di 98,6 milioni, e soprattutto avendo Codere. Nel secondo, la crescita è stata del 44%, fino a 61,4 milioni. Questi, insieme ad altri mercati latinoamericani, sono stati tra gli ultimi a raggiungere una certa normalità nelle operazioni, a causa delle continue restrizioni legate al Covid-19. C’è qualcosa di fondamentale nell’attuale ripresa degli introiti di Codere: alla fine dei primi nove mesi dell’anno l’Argentina è già il primo mercato e il Messico il terzo. Tra questi l’Italia, che nel terzo trimestre cresce del 4,4% a 68,2 milioni.

da parte vostra. Gli affari in Spagna sono cresciuti del 7,4% tra luglio e settembre, a 40,7 milioni di dollari. Tuttavia, i suoi utili rettificati prima di interessi, tasse e ammortamenti sono diminuiti del 9,1%. La società lo spiega con l’impatto che l’inizio della Liga ha avuto sull’attività di scommesse online, con una percentuale di vincita inferiore per Codere. A livello globale, il suo business online ha fatturato 29 milioni nel trimestre, in crescita del 51,5%, anche se il suo EBITDA è stato negativo per 13,5 milioni.

READ  Hyatt Regency Barcelona Tower riapre le sue porte

Nel gruppo nel suo complesso, l’EBITDA è stato di 108,1 milioni nei primi nove mesi dell’anno, dopo essere cresciuto del 90% nel terzo trimestre, a 38,3 milioni. Tuttavia, Codere rimane non redditizio. Nell’arretrato dell’anno ha perso 114 milioni, la metà, sì, nel 2021. L’onere finanziario, legato agli interessi sulle sue obbligazioni, rimane una lastra, meno 108 milioni dal conto economico fino a settembre.

La società ha recentemente ristrutturato parte della sua leadership manageriale. A fine ottobre ha annunciato al mercato l’inserimento di Oscar Fernández de Llano come Chief Financial Officer, che ha ricoperto la stessa posizione presso El Corte Inglés negli ultimi 15 anni.