Maggio 25, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Colazione, il 25% più costosa rispetto a 2 anni fa

Colazione, il 25% più costosa rispetto a 2 anni fa

Il rimbalzo dell’IPC per il mese di luglio conferma che i prodotti alimentari hanno registrato aumenti senza precedenti. Il cibo si accumula rendendolo un 30,8% più costoso Quattro anni fa. E il 25% è uguale a due. Per questo la situazione è critica per molte famiglie, anche se ci sono comunità indipendenti che risentono maggiormente di questo aumento del cibo.

Aree più colpite dal cibo alto

isole Canarie È la regione che risente maggiormente dell’inflazione dei prezzi alimentari, raggiungendo il 13,1% su base annua a luglio. seguito da Melilla del 12,8%,Cantabrico dell’11,9% e Castiglia-La Mancia dell’11,6%. Se prendiamo come esempio la colazione, che è uno dei pasti più importanti della giornata, questo è molto evidente. Questo è il 25% più costoso rispetto a due anni fa.

Cosa è salito di più?

per farne uno Pane abbrustolito, Il pane che ci serve è aumentato del 4,9%, i pomodori dell’11,6%, l’olio d’oliva del 38,8% e il sale, che non va dimenticato, del 12,1% rispetto a luglio 2022.

Lui Caffèlatte È anche aumentato del 33% in un anno e succo d’arancia Offre un aumento del 128% in due anni.

Per questo sono molti gli albergatori che fanno fatica a far fronte a questi aumenti, e sono tanti i consumatori che si fermano a fare colazione fuori casa.

Tuttavia, secondo la piattaforma eToro, alcune materie prime come l’avena, il grano e la carne di maiale sono più economiche rispetto a 12 mesi fa. In questo caso, l’investitore attribuisce la colpa ai prezzi dell’energia più bassi e ai mercati che si adeguano all’impatto della guerra in Ucraina.