Dicembre 7, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Coldretti e Unabrol: il 20% del patrimonio olivicolo italiano resta abbandonato

Entrambe le organizzazioni hanno confermato che i costi di produzione per gli oliveti sono aumentati fino al 200%, lasciando quasi un decimo di perdite e a rischio di chiusura. Pertanto, gli incrementi energetici diretti e indiretti vanno dal +170% per i fertilizzanti al +129% per il diesel in campo; La sua analisi mostra che il costo del vetro è aumentato di oltre il 30%, ma fino al 35% per le etichette, al 45% per il cartone, al 60% per le lattine e al 70% per la plastica, costringendo gli olivicoltori e i frantoi ad affrontare un aumento nell’energia elettrica, il cui costo è quintuplicato.

Con un calo stimato del 30% della produzione nazionale, la “catastrofica” siccità, senza precedenti negli ultimi 70 anni, ha messo l’oliveto in condizioni di stress idrico, soprattutto con irrigazioni di emergenza nelle zone incapaci di intervenire.

L’Italia ha un patrimonio di 42 DOP e 7 IGP di EVOO, pari al 40% delle certificazioni UE, come evidenziato da Coldiretti e Unaprol. A sua volta, oltre la metà della produzione nazionale di oli con questi sigilli di qualità viene esportata, con un aumento del valore del 55% negli ultimi cinque anni, passando da 40 a 62 milioni di euro.

“Per ribaltare questa situazione, Coldredetti e Unabrol si sono dedicati al restauro e alla manutenzione degli uliveti di alcuni parchi archeologici italiani e stanno lavorando per salvare dai batteri gli ulivi monumentali. Xilella Questo sta distruggendo l’industria olivicola in Puglia”, ha spiegato Nicola Di Noia, responsabile dell’olio di Coldretti.

Da parte sua, David Granieri, presidente di Unaprol, ha osservato che “gli ulivi centenari conservano non solo la storia ma anche, forse, elementi che ci aiutano ad affrontare meglio il cambiamento climatico che stiamo vivendo”. È necessario lavorare per ripristinare e produrre il più possibile questi alberi”. L’obiettivo, secondo lui, “non è solo quello di arricchire le nostre conoscenze, ma anche di ridurre la nostra dipendenza dalle importazioni di olio d’oliva e quindi, con investimenti adeguati, riavviare la produzione. Fatto in Italia“.

READ  Guida alla lista di ambra in Francia, Grecia, Italia, Spagna e Paesi Bassi