Ottobre 5, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Come coltiveremo ortaggi nello spazio e su Marte?

agricoltori spaziali

Ovviamente, una cosa è fare calcoli sulla carta e un’altra nel mondo reale. La prova di ciò è che dal 1971, quando i sovietici misero in orbita la prima stazione spaziale della storia, Fino al 2015, il cibo per i passeggeri era limitato a cibi secchi e surgelati che vengono consegnati con compiti di riapprovvigionamento della merce. Considerando il costo dell’invio di cose nello spazio, circa 20.000 euro al chilo, inviare un pacchetto di spaghetti liofilizzati nell’orbita terrestre bassa è costoso. Non c’è da stupirsi Le agenzie spaziali sono alla ricerca di modi per coltivare ortaggi nello spazio. Qualcosa che negli ultimi anni ha dato i suoi frutti (raro): nell’agosto 2015, gli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) hanno potuto gustare la lattuga fresca coltivata sulla stazione.

Questo risultato è stato il culmine di un programma iniziato nel 2010 vicino a Flagstaff, in Arizona. là Ricerca nel deserto e studi tecnologici – o Dessert RATS come amano definirsi, un apparente riferimento alle forze del generale Montgomery che hanno combattuto in Nord Africa durante la seconda guerra mondiale – ha portato a termine le fasi iniziali di VEGGIE, il progetto della NASA per Realizzazione di una serra per la coltivazione di piante in microgravità. Questo sistema di produzione vegetale permette non solo di studiare l’effetto della gravità (o della sua mancanza) sulla crescita delle piante, ma ha anche due ulteriori vantaggi: Gli astronauti possono gustare cibo fresco sulla stazione spaziale (principalmente lattuga) Fornisce un modo per gli equipaggi di rilassarsi. Niente è meglio per lo stress accumulato sulla Stazione Spaziale Internazionale che la diligente coltivazione della Terra… nello spazio.

READ  iOS | Androide | Perché dovresti caricare il tuo cellulare solo all'80% | Applicazioni | Smartphone | tecnologia | batteria | trucco | vagare | Smartphone | telefono | cellulare | nda | nnni | dati

VEGGIE negli anni ha aumentato le sue dimensioni – la prima era di soli 50 cm – il che ha permesso di coltivare piante sempre più grandi. La ricerca non si è fermata e nel 2017 è stata lanciata la Seedling Growth-3, la terza di una serie di missioni scientifiche congiunte della NASA e dell’ESA volte a ottenere un metodo affidabile per coltivare piante in microgravità. In questa occasione, il principale ricercatore è lo spagnolo Francisco José Medina, del Centro di Ricerca Biologica del CSIC di Madrid. Tutte le ricerche sono condotte in un’unità della Stazione Spaziale Internazionale dedicata esclusivamente all’agricoltura spaziale, l’European Standard Farming System. In Germania, invece, c’è Daniel Schubert, ingegnere del Centro aerospaziale tedesco (DLR), che Coltiva ortaggi in un laboratorio UV e, cosa più intrigante, con l’urina riciclata come fertilizzante. Ha scoperto che cambiare la combinazione di luce rossa, blu e ultravioletta rendeva le verdure più gustose. “Più UV, migliore è il sapore”, afferma Schubert.

La vera sfida per le serre spaziali è trovare il tipo di piante più adatto. Una pianta ideale deve soddisfare tre caratteristiche fondamentali: Fusti corti per risparmiare spazio, poche parti non commestibili e per resistere alla mancanza di luce e agli inevitabili parassiti. La ricerca è orientata verso grano, riso, lattuga e patate… Per fare questo, gli scienziati hanno uno strumento che O’Neill non si sarebbe mai sognato: la biotecnologia. Risulta che identificare i geni che rendono la pianta tollerare condizioni di vita difficili e poi trapiantarli nelle varietà selezionate è di fondamentale importanza. Ora, tutto questo sforzo è concentrato su qualcosa che ha molto più packaging. Dato che entro il 2030 la NASA intende mettere un piede umano sulla superficie di Marte, tutti gli occhi degli agricoltori spaziali sono in viaggio verso il nostro amato pianeta rosso.

READ  Spazio R&S GPA / Pagine di manuale Taller d'Arquitectura

Riferimenti

“Libro bianco. L’impresa dell’agricoltura spaziale.” agricoltura aperta. Undici): 70-73. 26 maggio 2016. doi: 10.1515 / opag-2016-0011

Wheeler, R.; (2010) “Piante per supportare la vita umana nello spazio: da Myers a Mars”. Gravità e biologia spaziale. 23: 25-36