Giugno 28, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Com’è il piano dettagliato della NASA per inviare astronauti su Marte

La capsula Orion nell’immagine tecnica, effettuerà il suo primo test a giugno, se non ci saranno ulteriori ritardi (NASA)

Dall’ascesa dell’uomo sulla luna nel 1969, la sua illusione di conquistare altri mondi non ha smesso di crescere. L’idea di viaggiare su un altro pianeta, come Marte, gli ha tolto il sonno e oggi, dopo più di 50 anni, molti paesi cercano un piano concreto Per mettere piede sul pianeta rosso.

specifico, Sembra che Stati Uniti e Cina siano più avanzati su questo grande progetto. Questa settimana, la NASA ha rivelato i suoi piani per riportare gli astronauti sulla superficie lunare, come preparazione iniziale per le missioni con equipaggio su Marte. Per fare ciò, come provvedimento ufficiale, ha inviato al Congresso degli Stati Uniti una bozza intitolata “Campagna nazionale di esplorazione spaziale“che ti aspetti”Missioni di esplorazione umana e robotica per espandere la frontiera Esperienza umana e scoperta scientifica di fenomeni naturali sulla Terra, altri mondi e l’universo.

Così, La NASA ha sviluppato il programma Artemis, che farà avanzare il 19 giugno il primo test integrato di sistemi di esplorazione dello spazio profondo: Veicolo spaziale Orion, razzo Space Launch System (SLS) e sistemi di terra al Kennedy Space Center di Cape Canaveral, in Florida. Il volo di Artemis I sarà il primo di una serie di missioni sempre più complesse, un volo di prova senza equipaggio che fornisce una base per l’esplorazione umana dello spazio profondo e dimostra il nostro impegno e la nostra capacità di estendere la presenza umana sulla luna e oltre.

Artemis lancerà quest'anno la novità del razzo SLS, il razzo più potente mai creato (NASA)
Artemis lancerà quest’anno la novità del razzo SLS, il razzo più potente mai creato (NASA)

Durante questo viaggio, Il veicolo spaziale si lancerà sul razzo più potente del mondo e volerà più lontano di qualsiasi veicolo spaziale mai progettato per l’uomo. Percorrerà 450.000 chilometri dalla Terra, lontano dalla Luna Nel corso di un incarico da quattro a sei settimane. Orion rimarrà nello spazio più a lungo di qualsiasi astronave senza attraccare a una stazione spaziale e poi tornare sulla Terra. “Questa è una missione che funzionerà davvero a meno che non venga compiuta e l’ignoto non venga appreso. Aprirà un percorso che le persone seguiranno sul prossimo volo di Orion, spingendo i bordi della busta per prepararsi a questa missione”, ha affermato Mike Sarafin, Responsabile della missione Artemis I presso il quartier generale della NASA a Washington.

READ  Warcraft Arclight Rumble: il nuovo concorrente gratuito di Clash Royale

Combinata con le missioni in orbita terrestre bassa e l’esplorazione automatizzata delle risorse sulla Luna, la nuova strategia Cita esplicitamente il ritorno degli astronauti statunitensi sulla superficie della luna per una campagna sostenibile di esplorazione e utilizzo. Si impegna inoltre a dimostrare le capacità richieste per le missioni umane su Marte e altre destinazioni. In una dichiarazione, la NASA ha spiegato che la Luna è una parte essenziale del passato e del futuro della Terra, “un continente oltre il mondo che può contenere risorse preziose per supportare l’attività spaziale e tesori scientifici che possono dirci di più sul nostro pianeta”. “

Con questa prima missione di esplorazione, la NASA cerca di guidare i prossimi passi nell’esplorazione umana nello spazio profondo, Dove gli astronauti costruiranno e inizieranno a testare i sistemi vicino alla luna necessari per le missioni sulla superficie lunare e l’esplorazione verso altre destinazioni lontane dalla Terra, incluso Marte.

La prima rappresentazione grafica della NASA di come sarebbe una missione sul Pianeta Rosso (NASA)
La prima rappresentazione grafica della NASA di come sarebbe una missione sul Pianeta Rosso (NASA)

Il secondo volo Artemis porterà l’equipaggio su un percorso diverso e testerà i sistemi critici di Orion con gli umani a bordo. Missile SLS si evolverà Da una configurazione iniziale in grado di inviare più di 26 tonnellate sulla Luna, a una configurazione finale che può inviare almeno 45 tonnellate. Insieme, i sistemi di terra di Orion, SLS e Kennedy saranno in grado di soddisfare le esigenze più impegnative dell’equipaggio nello spazio profondo e delle missioni di carico utile. Le future missioni di esplorazione con equipaggio saranno assemblate a bordo di Orion e collegate alla stazione orbitale Cancello. La NASA ei suoi partner utilizzeranno il gateway per le operazioni nello spazio profondo, comprese le missioni su e sulla luna con una dipendenza sempre minore dalla Terra. Utilizzando l’orbita lunare, acquisiremo l’esperienza necessaria per espandere l’esplorazione umana nel sistema solare più che mai.

Il cancello, la porta dello spazio

La prossima ondata di esplorazione lunare sarà fondamentalmente diversaLo ha annunciato l’agenzia spaziale statunitense, che sta sviluppando un piano per l’orbita degli americani intorno alla luna dal 2023, Gli astronauti sono atterrati in superficie entro la fine del 2020.

READ  I migliori regali di fine anno se tuo figlio ha superato tutto | tecnologia

“Questa sarà la prima opportunità per la maggior parte delle persone viventi oggi di assistere a uno sbarco lunare, un momento in cui il mondo trattiene il respiro per lo stupore. Tuttavia, gli Stati Uniti non si fermeranno qui. Quindi, l’elemento chiave per stabilire il primo presenza degli Stati Uniti e infrastrutture su e intorno alla luna è Gateway, piattaforma orbitale lunare Per ospitare gli astronauti più lontani che mai dalla Terra.

Il piano della NASA per tornare sulla luna e da lì andare su Marte (NASA)
Il piano della NASA per tornare sulla luna e da lì andare su Marte (NASA)

Lì, gli Stati Uniti ei suoi partner Ti preparerai ad attraversare lo spazio profondo. Testeranno nuove tecnologie e sistemi poiché l’infrastruttura necessaria per svolgere le missioni sarà costruita prima sulla Luna e poi su Marte. La NASA studierà anche gli effetti della vita nello spazio profondo, come le radiazioni e la microgravità, sugli organismi viventi per lunghi periodi.

La NASA afferma che alcuni elementi del portale sono già in costruzione e che saranno assemblati nello spazio, utilizzando il prossimo razzo Super Rock della NASA, l’SLS, e navi di compagnie private. Il primo componente, che fornirà potenza e spinta, sarà lanciato dalla Florida a fine giugno 2022, se non ci saranno ulteriori ritardi.. La superficie lunare fungerà da terreno di addestramento critico e sito di test tecnologici per future missioni umane su Marte e altre destinazioni.

Attraverso la cooperazione internazionale e con partner commerciali, le missioni robotiche sulla superficie lunare sono previste per il 2020. Si concentreranno sull’esplorazione scientifica delle risorse lunari e Preparare la superficie lunare per una presenza umana sostenibile. Alla fine degli anni ’20, un lander lunare in grado di trasportare equipaggi e merci inizierà i suoi voli verso la superficie. Le attività si espanderanno e si diversificheranno nel tempo, sfruttando la luna e lo spazio vicino per l’esplorazione scientifica in senso lato.

Starship, anche la nave di Elon Musk in cerca di registrazione per andare sulla Luna e su Marte (SpaceX)
Starship, anche la nave di Elon Musk in cerca di registrazione per andare sulla Luna e su Marte (SpaceX)

La Cina si sforza di competere

Sebbene la controparte e concorrente degli Stati Uniti nella corsa allo spazio sia sempre stata l’Unione Sovietica/Russia, oggi la Cina è il principale contendente per l’accesso alla Luna e a Marte.

READ  Meta sta lavorando a un modello di intelligenza artificiale per prevedere il linguaggio e le frasi

L’Agenzia spaziale nazionale cinese (CNSA) ha annunciato che il modulo principale della stazione spaziale, chiamato Tianhe, ha quattro motori a ioni. Tianhe utilizzerà questi motori per correggere e mantenere l’intera orbita della stazione attorno alla Terra. Questi motori utilizzano particelle cariche (ioni) per generare spinta. I propulsori ionici utilizzano un campo magnetico che limita il movimento degli elettroni da un elemento – xeno o krypton – e li ionizza per accelerarli e produrre una forza per spingere il getto.

Questi motori sono in uso dagli anni ’70. Quando l’Unione Sovietica iniziò a usarlo per mantenere in orbita i loro satelliti meteoriti. La tecnologia è attualmente in uso sui satelliti Starlink di Elon Musk, che utilizzano motori ionici alimentati da combustibile al krypton per stabilizzare la loro posizione nello spazio o riportarli sulla Terra quando raggiungono la fine della loro vita utile. Ma la CNSA ha piani più ambiziosi che minacciano i piani della NASA per arrivare su Marte prima di chiunque altro: Gli ingegneri cinesi vogliono sviluppare un motore a ioni da 200 megawatt in grado di spingere un veicolo spaziale con equipaggio su Marte in soli 39 giorni. Allo stesso modo, devi stare attento e andare passo dopo passo.

Secondo Hang Guanrong, un ingegnere dello Space Station Institute di Shanghai, la Cina sta sviluppando un motore da 50 kilowatt “progettato principalmente per missioni con equipaggio su larga scala e missioni di trasporto sulla Luna e su Marte”. tutto questo Lontano da 200 MW Necessario per operare una nave con equipaggio. Pertanto, c’è ancora molto da fare per raggiungere i 200 MW e sognare un viaggio su Marte in poche settimane.

Continuare a leggere: