Febbraio 4, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Come sfruttare al massimo le vendite di gennaio di EFE

Come sfruttare al meglio i saldi di gennaio

Belen Escudero

Madrid, 7 gennaio (.). – I saldi di gennaio sono iniziati questa mattina su alcuni dei siti dei grandi centri commerciali e li faranno di prima mattina fisicamente nei negozi, ma per sfruttarli al meglio e “gestirsi” tra gli sconti è necessario, prima di iniziare a comprare, per avere alcune raccomandazioni chiare.

Il consiglio delle organizzazioni dei consumatori di uscire dai saldi e “spremere” gli sconti al limite, senza irrompere nell’acquisto come un matto, può essere un’ancora di salvezza per coloro che hanno difficoltà a trattenersi e non ottenere un presunto affare.

Il primo consiglio dell’OCU è per loro: prima di uscire dai negozi devono pensare a ciò di cui hanno bisogno e, se possono, fare una lista per evitare acquisti forzati e mettere più di un buco in tasca. ..

I saldi di gennaio sono un’opportunità per mettere le mani su prodotti potenzialmente essenziali a un prezzo molto più conveniente, ma sappi che gli sconti sono grandi.

Per questo motivo è necessario prestare attenzione al fatto che, oltre al prezzo scontato, ciò che si intende acquistare ha il prezzo originale, ovvero indica chiaramente la percentuale dello sconto.

Anche questo prodotto deve far parte dell’offerta regolare del negozio per almeno un mese e, se ha più prezzi, il prezzo di riferimento sarà il più basso.

Inoltre, la loro qualità non dovrebbe differire. Nelle vendite, i prodotti non possono essere difettosi o deteriorati, perché le vendite non sono crediti, promozioni o liquidazioni. I prodotti non devono essere fabbricati espressamente per questo tipo di vendita.

Ma le aziende possono richiedere termini di pagamento diversi? La risposta di OCU è chiara: l’organizzazione è libera di adeguare la propria politica di vendita nel periodo dei saldi, durante il quale può applicare altre misure relative al pagamento con carta, alla restituzione del prodotto, alla possibilità di rimborso o alla modifica del periodo di accettazione. Naturalmente, dovresti informare chiaramente l’acquirente.

READ  Il Nasdaq sta crollando a Wall Street mentre lo slancio di riapertura della Cina svanisce

Prima di spendere, dobbiamo ricordare che l’unica cosa che viene ridotta nelle vendite è il prezzo, non i diritti, e ci sono alcuni elementi fondamentali, come la garanzia, come confermato dal Ministero del Consumo.

I prodotti devono mantenere lo stesso periodo di garanzia, anche se in sconto, e tutti coloro che acquisteranno hanno diritto a un biglietto oa una fattura, perché ne avranno bisogno per restituirlo o far valere la garanzia.

Tuttavia, il reso dipende da come è stato effettuato l’acquisto: se è stato “online”, hanno almeno quattordici giorni per rinunciare all’acquisto, ma se era in un negozio fisico, può essere restituito solo se l’azienda offre quell’opzione.

I negozi fisici non hanno alcun obbligo di accettare il reso, a meno che non vi sia un vizio o un difetto, e anche riconoscendolo, il rimborso potrebbe non essere in contanti, ma in una carta o buono rimborsabile, ma sempre per il valore pagato, sebbene al tempo di ritorno è ridotto nel prezzo.

Per quanto riguarda le modalità di pagamento, si deve sapere che le aziende devono accettare gli stessi mezzi che hanno abitualmente e, in caso contrario, devono avvisare o rimuovere l’avviso che ne annuncia l’accettazione.

Inoltre, il prezzo dei prodotti non può variare a seconda che il pagamento venga effettuato con carta, finanza o contanti.

Infine, se non sei soddisfatto del tuo acquisto e ritieni che il commerciante non rispetti la legge, dovresti richiedere un modulo di reclamo, compilarlo e inviare l’originale a un’istituzione ufficiale o a un organismo competente in materia, come ad esempio la Direzione Generale del Consumo o Uffici Comunali di Informazione del Consumatore (OMIC).

Ciò che è chiaro è che è sempre una garanzia di acquisto nei negozi collegati al sistema di arbitrato del consumatore e presenta vantaggi per entrambe le parti perché consente di risolvere qualsiasi controversia o reclamo senza costi e rapidamente e senza la necessità di ricorrere al tribunale.

READ  Quanti milioni di dollari hanno perso e guadagnato Facebook, Twitter e Google tra luglio e settembre? | Dottor Techno | rivista

perché-

(immagine)