Giugno 26, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Con in mente Qatar 2022, gli Stati Uniti iniziano a difendere la Nations League

Il Team USA inizia la difesa del titolo della Nations League quando ospita Grenada venerdì (19:00 PT, TUDN) al Q2 Stadium di Austin, in Texas.

Un anno dopo aver vinto il torneo contro il Messico in un’entusiasmante finale, gli americani stanno cercando di continuare il successo del torneo, ma con la mente concentrata sulla Coppa del Mondo del Qatar 2022.

La squadra a stelle e strisce è tornata ai Mondiali dopo aver fallito la qualificazione per la Russia 2018 e, dopo i risultati positivi nei recenti tornei regionali e il successo di molti dei suoi giocatori in Europa, è entusiasta di sviluppare un buon ruolo nel Mediterraneo nazione. .

“Questo torneo ci ha aiutato molto a prendere fiducia e per tutta la squadra vincere questo torneo per la prima volta è stato molto importante”, ha detto Paul Areola. “Stiamo acquisendo fiducia nella nostra capacità di vincere trofei e trofei. La cosa più importante per noi è difendere il nostro titolo e anche continuare a cercare di migliorare prima del Mondiale”.

E sarà l’ultima partita ufficiale degli Stati Uniti contro il Granada prima della sua partecipazione al Qatar 2022, quindi i giocatori la considerano una partita d’addio davanti ai propri tifosi.

“Siamo molto concentrati sulla prossima partita perché è l’ultima casa prima del Mondiale”, ha detto il centrocampista. “Cercheremo di dare molta gioia e fiducia ai tifosi e a noi come squadra in questo torneo quest’anno prima della Coppa del Mondo”.

La competizione per gli ultimi posti nella graduatoria finale, che andrà al Qatar 2022, è giunta alla sua fase finale e la doppia giornata di questo torneo aiuterà Greg Berhalter a determinare alcune posizioni.

READ  Premier League: Tuchel non si arrende su Lukaku: 'E' una questione di orgoglio'

Dopo la finale contro il Granada, gli americani si recheranno in El Salvador all’Estadio Cuscatlan martedì 14 giugno.

Jordan Morris, una delle stelle di questa selezione, ha riconosciuto la forte concorrenza interna e l’ha considerata vantaggiosa per le aspirazioni di portare una squadra competente in Qatar.

“Tutti sono competitivi, tutti stanno gareggiando al massimo, ma è stato fatto nel modo giusto e noi siamo fratelli, tifiamo l’uno per l’altro”, ha detto l’attaccante dei Seattle Sounders. “Alla fine si tratta di ciò che è meglio per la squadra. Tutti daranno il massimo in allenamento e in partita, cercando di mettersi in mostra, ma alla fine si tratta di come ci si relaziona con la squadra”.

Arriola sente che la competizione è per tutti e nessuno è al sicuro nella sua posizione.

“Il modo in cui la vedo io è che i giocatori di questa squadra, nella mia posizione, sono persone a cui stimo e che mi ispirano a essere il migliore”, ha detto Areola. “È chiaro che stiamo lottando per queste posizioni nei nostri club e nei campi. Sono loro che mi motivano a dare il meglio di me. Copro tutto ciò che vivo”.

La spinta a vincere una sorta di torneo contribuisce sempre di più alla crescita del giocatore della nazionale in generale, secondo Morris, dandogli più fiducia e sicurezza per affrontare le sfide che lo attendono.

“Penso che ogni volta che giochi per un titolo, sarà una grande esperienza”, ha detto Morris. “Ovviamente non simula il Mondiale, ma è lo stesso, stai cercando di raggiungere un obiettivo e di vincere il titolo, una mentalità nel passato. [torneo] È stato fantastico… avvicinare il gruppo, infondendo fiducia e spingendoci in avanti, e penso che lo useremo come piattaforma simile in queste due partite”.

READ  I Toronto Raptors sono rimbalzati nel quarto trimestre battendo i Washington Wizards con Malachi Flynn | NBA.com Argentina