Febbraio 4, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Con la partecipazione della Chiesa vengono liberati i minori rapiti dall’Esercito di Liberazione Nazionale

Due adolescenti che da novembre sono nelle mani dell’Esercito di liberazione nazionale (ELN) sono stati affidati a una missione umanitaria composta dalla Chiesa cattolica, dall’Ufficio del difensore civico e dal Comitato internazionale della Croce rossa.

“Abbiamo svolto una missione umanitaria insieme alla Chiesa cattolica e al Comitato internazionale della Croce Rossa e facilitato, ai piedi della montagna araucana, il rilascio di due adolescenti che dal mese scorso erano nelle mani dell’Esercito di liberazione nazionale ”, ha riferito il Mediatore martedì sera sul suo account Twitter.

L’Ombudsman, Carlos Camargo, ha affermato che “tutti i canali umanitari dell’Ombudsman sono stati attivati ​​con l’obiettivo di facilitare il rilascio di questi minori”. “Rimarremo vigili per portare avanti i necessari compiti umanitari che consentano la libertà a tutte le persone sotto il potere di gruppi armati illegali”, ha sottolineato.

Allo stesso modo, l’Ufficio del difensore civico ha riferito che “è stato attivato il percorso per la protezione e l’estradizione dei minori all’Istituto colombiano per il benessere familiare (ICBF) per avviare il processo amministrativo di ripristino dei diritti”.

Questa non è la prima liberazione di ostaggi dell’ELN effettuata da una missione umanitaria composta dall’Ombudsman, dalla Chiesa cattolica e dal Comitato internazionale della Croce Rossa.

L’8 dicembre è stato riferito che altri due minori rapiti dal 24 novembre nella provincia di Arauca erano stati rilasciati.

READ  Lopez Obrador non parteciperà al Summit delle Americhe se gli Stati Uniti impongono eccezioni

In quell’occasione l’Ufficio dell’Ombudsman ha chiesto ai gruppi armati di “allontanare i minori dai conflitti armati”.

Inoltre, 2 settembreQuesta missione umanitaria ha portato alla liberazione del soldato Ángel Modesto Sosa, rapito dall’Esercito di Liberazione Nazionale ad Arauca il 16 agosto.

L’ELN ha avviato i negoziati di pace con il governo di Gustavo Petro il 21 novembre. La prima tappa si è svolta in Venezuela e si è conclusa il 12 dicembre.

All’inizio di dicembre la Conferenza Episcopale della Colombia ha accolto l’invito a partecipare a questi dialoghi come “compagno costante” e ha nominato suo rappresentante il Vescovo Hector Fabio Henao.

Allo stesso modo, il lavoro del processo è sostenuto dal vicepresidente della Commissione elettorale centrale, monsignor Omar Alberto Sanchez Cubilos; e l’arcivescovo emerito di Cali, mons. Dario de Jesus Monsalve Mejia.