Maggio 20, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Con quasi 200 morti in un solo giorno, l’Italia sta affrontando una nuova ondata di corona

Con 194 morti questo martedì, il numero totale di decessi per infezione da corona virus ha raggiunto 160.103, iniziato il 21 febbraio 2020, il più alto in 27 paesi dell’UE. Il numero delle vittime era 88.173.

Queste informazioni confermano l’elevata efficacia infettiva di variante Omigron Ritardano la fase di soccorso quando entra la quarta ondata di corona virus.

Mostra circa 200 morti in un solo giorno Il bilancio delle vittime giornaliero è più alto del previsto. Martedì è il giorno che meglio riflette la situazione epidemica in questo paese poiché vengono effettuati molti altri controlli sugli scambi.

Il mix di vittime e morti fornisce una foto dell’evoluzione di Blake ogni martedì.

Il governo era sotto la pressione dell’opinione pubblica e dei politici Ritorno all’inevitabile normalità “Perché le persone sono stanche”, insieme all’andamento al ribasso della curva epidemica a marzo Allentando i controlli Diventerà stabile entro la fine del mese.

Bar e ristoranti in Italia sono già operativi senza restrizioni sul numero di persone. Foto: EFE

Mento forzato addio?

Negli ultimi dieci giorni di questo mese i comitati scientifici consultivi del Ministro della Salute Pubblica e del governo dovranno decidere se dal 1° maggio sarà abolito l’uso obbligatorio delle mascherine negli spazi chiusi.

La legge sull’emergenza è già stata abrogata. Due anni dopo, all’inizio di aprile. È stato inoltre sospeso il sistema di eccezione che consentiva un’efficace campagna vaccinale per vaccinare quasi il 90% degli italiani.

La vaccinazione continua, ma con milioni di persone rimaste i ritmi sono molto meno frenetici Non vaccinato.

Sale piene, bar e ristoranti

Gli stadi hanno riconquistato il cento per cento dei tifosi, anche se il “Diphosi” è stato tragicamente devastato dalla vergognosa sconfitta dell’Italia contro la Macedonia ordinaria ai Mondiali in Qatar.

READ  La Jornada - I codici preispanici non viaggiano dall'Italia al Messico per evitare danni

Non ci sono restrizioni per andare in bar, ristoranti, teatri, teatri e sale da balloSalvo obbligo di indossare la mascherina almeno fino a fine mese.

Alcuni scienziati sostengono che si stia muovendo troppo velocemente verso la normalità. “Siamo stanchi del virus, ma lui non è stanco di noi”, ha detto il ricercatore Andrea Grisandi.

Il professor Matteo Pacetti, direttore delle malattie infettive dell’Ospedale San Martino di Genova, ha dichiarato: “Speriamo di raggiungere livelli accettabili in due o tre settimane.

variante Omigron Xe

Il vasto dominio di Omicron e le sue varianti Confuso molti scienziati. Alcuni credono che Omigron sia in realtà “un nuovo virus”.

Tra l’1 e il 2 si sono già trasferiti a Delta in Italia. Altre specie sono state identificate in Gran Bretagna, il cui culmine Xe sembra destinato a eliminare i suoi rivali.

Giorgio Gleistro, professore di neurobiologia all’Imperial College di Londra, ha già elencato 600 casi di Omicrom Xe, con differenze significative rispetto alle varianti precedenti.

Omigrome 1 ha dimostrato di essere il 20% più contagioso di Delta, che è rimasta sorpresa dal suo potenziale proliferativo. Anche Om 2 è un altro 10% più contagioso. Gilestro ha detto: “Xe non è ancora un problema, ma ha il potenziale per diffondersi più facilmente rispetto alle precedenti varianti che ha ricevuto”. Sono apparsi anche modelli più piccoli di Xd e Xf.

“Attenzione, perché stiamo affrontando una situazione a lungo termine simile a quella vissuta a marzo 2020. L’unica cosa che sappiamo di Xe è la variante ristrutturante di ómicron 1 e Ómicron 2. Ora sta crescendo”, ha spiegato.

Secondo il professor Cleistro, Xe è ” La combinazione tra i due virus che costituiscono un terzo. Queste regolazioni sono comuni. Ma ciò che rende speciale Xe è che si tratta di una variante più facilmente distribuibile rispetto a Omigron 1 e 2.

READ  Stefania Marciona rivoluziona l'Italia con la promessa 'calda' di vincere l'Inter Champions League

Finora è stato trovato in Gran Bretagna, Belgio e altri paesi europei “ovviamente puoi vedere di più se guardi”. Clestro crede che le nazioni europee abbiano ridotto la loro sicurezza Riduce le prove E serie. “Molti viaggiano nel buio.”

Un gran numero di casi è stato segnalato in Gran Bretagna, ma il professore italiano all’Imperial College di Londra ha spiegato che “Xe vale ancora pochi casi, ma cresce a un ritmo del 10% a settimana”. “A lungo termine dominerà perché crescerà più velocemente di altri tipi”, ha detto.

“Altre varianti nei prossimi mesi avranno il potenziale per agire e dominare come Omigron nei prossimi mesi, in particolare la trasmissione”, ritiene Gilstro.

Fortunatamente, stima lo scienziato, “I vaccini mantengono una protezione sensibile dai sintomi più gravi e penso che continueremo a farlo”.

Sebbene gran parte della popolazione italiana sia stata vaccinata contro il gozzo, ci sono ancora molte infezioni.  Foto: EFE

Sebbene gran parte della popolazione italiana sia stata vaccinata contro il gozzo, ci sono ancora molte infezioni. Foto: EFE

Più ospedali

Ma i ricoveri sono in aumento in molti paesi (ci sono già 10.000 pazienti in Italia in zone dove non ci sono malati critici) e si teme che arrivi una variante, Xe o un’altra, che non vaccini solo chi è vaccinato , ma iniziano anche a trasmettere sintomi meno lievi.

“Allora è semplicemente venuto alla nostra attenzione. Non è possibile prevedere quando ciò accadrà. Ecco perché devi essere preparato. “Ci sono alcuni paesi che non fanno molti test”, ha avvertito.

Anzi, La maggior parte dei paesi europei sta revocando le restrizioni Per controllare l’infezione anche se i virus continuano a diffondersi.

Ad esempio, martedì c’è stata una brutta sorpresa in Veneto Sviluppo imprevisto di infezioni Più di 9.000 casi, rispetto ai 2.048 di lunedì. Un forte deterioramento.

READ  Addio al patto per i pensionati in Portogallo

In Italia è arrivata la primavera, fa ancora molto freddo, ma ci aspetta il caldo intenso dell’estate nazionale. Il professor Bregliasco, docente all’Università degli Studi di Milano, ritiene che le minacce del virus diminuiranno e che “il prossimo autunno (sepoltura) entreremo in una fase locale”.

“Aumenterà la nostra capacità di convivere con il virus e di trovare trattamenti migliori”, ha concluso con sicurezza.

Roma, giornalista

CB