Dicembre 5, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Conclusa in Italia la Conferenza dell’Amicizia con Cuba

Nell’ultimo giorno della manifestazione, iniziata il 4 di questo mese nella città settentrionale di Brescia, ha raccontato a Brenza Latina gli atti che regolano l’attività dell’associazione, Catia Funari, rappresentante del Circolo di Roma. Gli anni a venire furono approvati. Quattro anni.

L’Ambasciatore di Cuba in Italia, Mirta Granda, è intervenuto nella giornata, accompagnato da Nomi Rapaza, Primo Vicepresidente dell’Istituto Cubano di Amicizia con i Popoli (ICAP), e Roberto Sarza, Direttore per l’Europa di tale organizzazione.

Granda ha sottolineato che la storia della solidarietà con il suo Paese non può essere descritta senza aggiungere “in maiuscolo, anaico”, che ha mostrato che sostenere Cuba e la sua rivoluzione per più di 60 anni è stato “più una causa che un impegno”. Vita”.

Con la sua forza, capacità e determinazione, questa associazione ha sempre lavorato con il popolo cubano come voce di incoraggiamento e sostegno efficace attraverso campagne, donazioni, mobilitazioni e altri sforzi in ogni momento della sua storia rivoluzionaria, nelle vittorie e nei tempi di crisi. Il diplomatico ha insistito.

L’ambasciatore ha preso atto del sostegno dell’organizzazione nel chiedere il ritorno del territorio occupato illegalmente dal Paese presso la base navale di Guantanamo nella lotta contro l’embargo economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti a Cuba.

Anaik ha fatto molto finora e siamo sicuri di continuare, ha affermato, sottolineando l’importanza del lavoro nei social network, nella stampa, nella diffusione della realtà di Cuba e nelle campagne contro la disinformazione e la manipolazione dell’informazione. .

Ha sottolineato l’importanza delle azioni con impatto politico, rilevando la promozione di sforzi cooperativi perché “il futuro della rivoluzione cubana è definito dalla guerra economica”.

READ  L'Italia non si aspetta nuove misure sugli utili delle società energetiche

Ha invitato ad approfondire il lavoro con i giovani ea promuovere l’unità, perché “solo nell’unità troveremo la forza per vincere queste battaglie”, e ha aggiunto alla comunità dei cubani in Italia “coloro che amano e scoprono”.

Ha promesso che la conferenza conclusiva “contrassegna una nuova fase, che sarà senza dubbio caratterizzata dalla profondità del sostegno dell’Unione alla rivoluzione e al popolo cubani”.

Granta ha promesso che “Cuba continuerà ad essere un faro e un esempio dell’alternativa che vedi che un mondo migliore è possibile” e che “continueremo a combattere con la determinazione di vincere con verità, giustizia e virtù”. Vieni con noi.”

Dopo la sua rielezione a presidente, il papato ha indicato che si stava avvicinando un anno difficile e ha riaffermato il suo impegno a rispondere alla fiducia riposta in lui dai membri dell’ANA per guidare l’organizzazione verso nuovi traguardi nella sua solidarietà con Cuba.

ode/ort