Settembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Conteggio dei soccorsi: più di 50.000 milioni di persone non sono mai tornate nelle casse pubbliche | Economia

Era il giugno del 2012. Durante la lotta in televisione con l’Europeo che la Spagna vinse in Polonia, l’allora capo del governo, Mariano Rajoy, difese in seduta di monitoraggio che il salvataggio della banca «sarà pagato dalle banche stesse. ” Il ministro dell’Economia, Luis de Guindos, ha affermato che non ci sarebbero “costi per il contribuente spagnolo”. La vicepresidente Soraya Sanez de Santamaria ha sottolineato che il salvataggio non costerebbe “un solo euro ai contribuenti”.

Un decennio dopo, la Spagna non ha ancora vinto un altro campionato europeo. Né Rajoy né Sáenz de Santamaría sono ancora in politica. Guindos combatte l’inflazione come vicepresidente della Banca centrale europea. Ma, secondo i calcoli del FROB, dei 58.000 milioni che lo stato ha immesso nel sistema finanziario spagnolo, ha recuperato a malapena circa 6.000 milioni. Ciò significa che circa 52.000 milioni non sono ancora pervenuti all’erario pubblico. E tutto indica che non lo faranno mai.

Al fine di rilanciare il suo sistema finanziario malconcio, mortalmente danneggiato dalla massiccia esposizione al settore immobiliare dopo il crollo della bolla dovuto al fallimento di Lehman Brothers, Bruxelles, attraverso l’ESM (European Stability Mechanism) a disposizione degli spagnoli ha fissato un limite di credito di 100.000 milioni. La Spagna ha utilizzato solo circa 43.000 milioni. Tra il 2014 e il 2018 ha effettivamente restituito 17.612 milioni, ovvero il 41%.

Nonostante nei primi anni il governo spagnolo si sia dedicato a rimborsare presto gli aiuti europei, il fatto è che non ha avuto la stessa flessibilità nel restituire allo Stato tutto ciò che aveva preso in prestito da enti finanziari. Nel suo rapporto 2020, FROB calcola che dei 58.876 milioni che sono stati iniettati nelle banche spagnole, solo poco meno di 6000 milioni hanno recuperato, ovvero solo il 10%.

READ  La California infrange una pietra miliare nella produzione di energia pulita | Clima e ambiente

I dati forniti da FROB comprendono 1442 milioni ricevuti in questo contratto sotto forma di cedole e dividendi. Ma lascia fuori dal conto la grande speranza dello Stato nel calcolare il salvataggio, Bankia. L’entità guidata da Paula Conte stima di aver ricevuto 1.182 milioni di profitti dalla vecchia Cajamadrid fino al 2020.

Secondo la Banca di Spagna, il salvataggio di Bankia – il più grande in assoluto, per circa 24.000 milioni – difficilmente il Paese riuscirà a recuperare circa 9.000 milioni. Sotto la guida di Guindos come ministro dell’Economia, FROB ha venduto piccoli pacchetti della sua partecipazione in Bankia sul mercato azionario. Nel gennaio 2014 ha acquisito 1.304 milioni per un’offerta del 7,5% e nel dicembre 2017 ha acquisito altri 818 milioni con un altro 7% di vendita. Nessuno di questi importi, così come gli utili ricevuti, sono inclusi nel conto FROB.

Un cambio di governo significa anche un cambio di strategia per quanto riguarda la partecipazione a Bankia. L’attuale vicepresidente dell’economia, Nadia Calvino, ha incoraggiato la precedente fusione di Cajamadrid con CaixaBank nel bel mezzo di una pandemia. In questo modo, lo stato attualmente controlla il 16%, che equivale a 4.500 milioni. L’idea era quella di sostituire una partecipazione superiore al 50% in una piccola entità con una molto più piccola in una banca molto più grande, con l’idea che avrebbe facilitato la successiva vendita, che dovrebbe essere effettuata entro dicembre del prossimo anno.