Dicembre 4, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

COP26: Firma di un accordo globale storico sui cambiamenti climatici

Accordo finale COP 26 “Incompleto”: Decarbonizzazione

Dopo i negoziati della maratona, è stato raggiunto un accordo globale sul clima alla COP26, che si è tenuta nella città scozzese di Glasgow. L’accordo fa riferimento, per la prima volta nella storia, ai combustibili fossili e al loro ruolo nella crisi climatica globale.

Testo finale del documento Si rivolge direttamente al carbone, il maggior contributore al cambiamento climatico. Va notato che nelle precedenti 25 conferenze sui cambiamenti climatici, carbone, petrolio o gas non sono stati menzionati nell’accordo finale, così come altri combustibili fossili, come le principali cause della crisi ambientale.

Le discussioni a Glasgow sono durate molto più a lungo del previsto a causa di disaccordi che hanno prevalso sulle questioni principali, Compreso l’attacco al carbone e quanti soldi il mondo sviluppato dovrebbe pagare al sud del mondo per aiutare ad adattarsi alla crisi climatica. Inizialmente, queste discussioni dovevano concludersi il 12 novembre, ma dovevano essere prorogate anche al 13 novembre.

Il carbone è responsabile di quasi il 40% delle emissioni di anidride carbonica ogni anno, motivo per cui questo carburante è stato l’attore centrale negli sforzi per ridurre Riscaldamento globale a 1,5 gradi. Per raggiungere questo obiettivo, concordato a Parigi nel 2015, le emissioni globali devono essere ridotte del 45% entro il 2030 e devono essere praticamente eliminate entro la metà del secolo.

però, Gli impegni attuali non sono sufficienti per limitare la crescita della temperatura globale di 1,5 gradi. Nella prima bozza dell’accordo COP26 è stata menzionata la graduale eliminazione dell’uso del carbone. Tuttavia, è stato modificato a causa delle obiezioni dell’ultimo minuto fatte dall’India. Pertanto, la frase è stata modificata per ridurla anziché eliminarla.

READ  Denuncia contro Bolsonaro per il genocidio della popolazione indigena

Dopo il cambio di frase, diversi paesi hanno espresso il loro disaccordo, mentre il capo della COP26 Alok Sharma si è detto “profondamente rattristato” per come si sono svolti gli eventi. Con ciò, ha sottolineato che era di fondamentale importanza proteggere la Convenzione in generale.

Anche il ministro svizzero dell’Ambiente Simonetta Sommaruga, da parte sua, ha criticato il cambio di linguaggio dell’ultimo minuto sui combustibili fossili, poiché le è sembrato che non fosse un modo trasparente di fare le cose.

“Non abbiamo bisogno di ridurre l’uso di carbone e altri combustibili fossili. Questo non ci avvicinerà all’obiettivo di 1,5”. [grados]Sommaruga, da parte sua, ha affermato Lars Koch, direttore politico di ActionAid, ha affermato che è deludente che il carbone sia stato menzionato solo in modo così accurato.

“Questo dà libertà di passaggio ai paesi ricchi che da più di un secolo estraggono e inquinano per continuare a produrre petrolio e gas”, ha affermato.

Nell’ambito di questo accordo, i paesi si sono impegnati a ridurre l’uso del carbone per non permettere che la temperatura aumenti di oltre 1,5 gradi. Gli scienziati avvertono che se questo non viene raggiunto, la Terra potrebbe subire conseguenze disastrose.

I principali risultati dell’accordo possono essere riassunti:

  • inclusione di un impegno per ridurre l’uso di carbone;
  • Rivalutare i piani di riduzione delle emissioni su base più regolare;
  • Aumento degli aiuti economici ai paesi in via di sviluppo.

Tuttavia, i paesi in via di sviluppo sono stati scontenti della mancanza di progressi in ciò che è noto come perdita e danno: un concetto secondo cui i paesi più ricchi devono compensare i più poveri per gli effetti inalterati e in grado di adattarsi al cambiamento climatico.

READ  La Cina sottolinea il ruolo della CELAC nella pace e nella stabilità regionali

L’inviato speciale per le questioni climatiche a Tuvalu (un paese a rischio di immersione nell’oceano), Seif Bainyu, ha detto ai giornalisti prima dell’ultima sessione che era contento di vedere i progressi, ma allo stesso tempo le parole dovrebbero essere appropriate. È rafforzato dalle azioni.

(con informazioni da Sputnik)

Guarda anche

COP (rottura) al Summit sul clima