Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

COP26 si prepara a finanziare contro il cambiamento climatico – Uno TV

La COP26 si prepara a gettare le basi per il finanziamento contro il cambiamento climatico. Foto: quartoscuro

Quasi 200 paesi sono presenti in Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26) Glasgow si prepara sabato a chiudere un accordo contenente timidi passi da finanziare Combattere il cambiamento climaticoDopo frenetiche trattative tra Nord e Sud.

Con un ritardo di 24 ore rispetto all’agenda ufficiale, il COP26 Sembra che abbia finalmente raggiunto un arduo consenso, che, secondo il progetto, includerà consultazioni formali per creare fondi stabili per la mitigazione e l’adattamento e lo studio Richieste di risarcimento danni e perdite dei paesi più vulnerabili nel medio termine.

documento COP26 Non contiene date o importi esatti. “Quello che questo testo sta cercando di fare è colmare le lacune e avviare un processo”, ha spiegato, in particolare sulla questione del finanziamento dell’adattamento, ovvero prepararsi a ciò che sta arrivando. Helen Mountford, subordinato istituto delle risorse mondiali.

Il Presidenza della Conferenza britannica La porta si è aperta dopo ore di lunghi negoziati nella stessa aula della sessione plenaria dell’Assemblea COP26, con delegati in piedi, documento alla mano.

Inviato speciale degli Stati Uniti, John Kerry, la sua controparte cinese, Xie ZhenhuaVicepresidente della Commissione Europea, Frans Timmermans, andavano e venivano, saltavano da un gruppo all’altro, su una bozza di testo che fu poi accettata nei discorsi a COP26 Nella sua interezza, nonostante le dure critiche di India.

“Voglio assicurare (…) che parteciperemo in modo costruttivo al dialogo sui danni e sulle perdite per contribuire al suo successo”.

John Kerry, inviato speciale degli Stati Uniti

“Il testo attuale non è completo, ma non intendiamo riaprirlo”, ha aggiunto. sheh.

“Esatto, siamo solo all’inizio del finanziamento dell’adattamento, ma per favore, ti prego di non uccidere questo momento!”

Frans Timmermans, vicepresidente della Commissione europea

I paesi in via di sviluppo, in particolare quelli più vulnerabili al riscaldamento globale, stanno lottando con i denti per rispettare gli importi fissi e le scadenze del mondo COP26.

Il Risarcimento danni e perdite Si tratta di un capitolo particolarmente controverso, in quanto riguarda gli stati, le grandi multinazionali (come le compagnie petrolifere) e le compagnie assicurative.

Il testo è stato anche oggetto di accesi dibattiti sui combustibili fossili, che non sono stati esplicitamente denunciati nei documenti COP26.

Ministro dell’Ambiente indiano, Bubandar Yadav, sosteneva che i paesi meno industrializzati, con pochi Responsabilità storica per il riscaldamento globale“Hanno diritto alla loro giusta quota del bilancio globale del carbonio e hanno diritto all’uso responsabile dei combustibili fossili”.

“Come ci si può aspettare che i paesi in via di sviluppo facciano promesse di eliminare i sussidi al carbone e ai combustibili fossili?”

Bhubandar Yadav, ministro dell’Ambiente, India

COP26, con trattative “timide”

a partire dal Accordo di Parigi Gli scienziati insistono sul fatto che entro il 2015 il fenomeno delle intimidazioni è cresciuto e che il mondo si sta dirigendo verso una situazione “catastrofica” se non vengono prese misure rigorose.

L’obiettivo fissato a Parigi sei anni fa era a favore di Aumento della temperatura media globale Non raggiunge i 2 gradi Celsius e idealmente la temperatura massima dovrebbe essere di 1,5 gradi Celsius.

Per fare questo è necessario alzare l’asticella, imporre ulteriori riduzioni delle emissioni di gas serra e programmare un cambiamento radicale del paradigma energetico.

Nell’ultima bozza di COP26 La menzione dei combustibili fossili è stata ancora più debole rispetto al testo precedente, poiché ai paesi è stato chiesto di “accelerare l’eliminazione graduale del carbone”.

Il testo chiede riconoscimento “Sostegno necessario per una transizione giusta”, ovvero come aiutare i paesi più poveri che ancora dipendono dai combustibili fossili a decarbonizzare le proprie economie, e chiede di accelerare i piani nazionali per ridurre le emissioni e presentare nuovi obiettivi per la fine del 2022, tre anni prima del previsto.

  • Ma i paesi ricchi non sono stati in grado di organizzare i 100 miliardi di dollari all’anno che i paesi deboli avrebbero dovuto ricevere dal 2020, e questa cifra era solo una base.

I paesi in via di sviluppo vogliono che i soldi che riceveranno d’ora in poi siano ampiamente divisi equamente nella mitigazione cambiamento climatico (riduzione delle emissioni di gas serra) e adeguandosi a ciò che verrà (attraverso dighe, dighe sulle coste, ecc.).

La discussione sui voti COP26 Sembra essere orientato alla creazione di gruppi di lavoro, all’apertura di spazi di consultazione e di una via di fuga comune in questo tipo di forum multilaterale.

READ  Joe Biden aspira a candidarsi alla rielezione come presidente degli Stati Uniti nel 2024