Cirò Marina, omicidio Lettieri: Fuscaldo confessa

CIRÒ MARINA – Salvatore Fuscaldo, vicino di casa di Antonella Lettieri, la donna barbaramente uccisa lo scorso 8 marzo a Cirò Marina, ha confessato il delitto. Lo ha annunciato in diretta su Retequattro “Quarto Grado”, precisando che Fuscaldo, arrestato pochi giorni dopo il fatto ma che nel corso delle settimane successive si era professato innocente, ha ammesso il suo crimine durante un interrogatorio nel carcere di Castrovillari (Cosenza), dov’è rinchiuso. Ammettendo le proprie responsabilità, l’uomo ha sollevato da ogni colpa la moglie Caterina e gli altri familiari. Il racconto di Fuscaldo, tuttavia, non ha convinto del tutto gli investigatori.
Le sue dichiarazioni, ha riferito il comandante provinciale di Crotone dei carabinieri, colonnello Salvatore Gagliano, “sono oggetto di attenta verifica perché presentano molte lacune. In ogni caso – ha aggiunto l’ufficiale – Fuscaldo non sta coprendo nessuno perché tutti gli elementi di prova raccolti sono a suo carico. La sua confessione, che non appare spontanea, nasce dagli elementi oggettivi di prova raccolti esclusivamente a suo carico e dalla volontà di escludere giustamente responsabilità di altre persone nell’omicidio”.