Settembre 28, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Corazón de Guaje: uno spazio culturale multidisciplinare a Oaxaca progettato per i tempi della pandemia

Oaxaca de Juarez.- cuore di zucca È un’iniziativa culturale di artisti, pittori e architetti che nasce a seguito delle nuove condizioni di convivenza da lui imposte pandemia di covid-19, ma anche “non stare a guardare”, fare qualcosa, parlare, dire cose, capire gli altri e generare attività che esaltino lo spirito, che è la missione dell’arte.

Lo spiega l’insegnante Luis Zarate, il promotore di questo progetto, il quale afferma che l’origine cuore di zucca Tornando agli anni in cui è stato coinvolto Pittori di OaxacaDiretto dall’artista plastico Francisco Toledo Ciò ha portato alla creazione di spazi come Museo d’Arte Contemporanea, Il giardino etnicoO (progettato dallo stesso Zárate) e molti altri progetti guidati da Toledo, in cui è sempre stata promossa l’idea di preservare la natura, nonché il patrimonio culturale dello stato.

“L’insegnante ha creato istituzioni come biblioteche o CaSa [Centro de Artes San Agustín]. È sempre stato un uomo che ha creato istituzioni legate all’istruzione e al miglioramento della qualità della vita delle persone. È così che abbiamo iniziato con lui”.

Ora, spiega a EL UNIVERSAL, pone la possibilità di creare uno spazio in cui possano convergere le varie discipline dell’arte; Possono interagire con la musica, la danza, le arti performative, gli spettacoli, la pittura, l’incisione, la scultura, la letteratura e la poesia.

Questa è l’idea di base, dice Louis Zarate. ‘Quale – quale [no] Riserviamo un’attività ai creatori giovani e meno giovani”.

Leggi anche: Avvio del programma Seculta per la promozione della cultura sull’istmo di Tehuantepec

Foto per gentile concessione

Il progetto nasce dalla pandemia e dalla necessità di spazi aperti e ariosi che rispondano alle esigenze di una nuova convivenza, non folle, ma persone che si possano incontrare con la voglia di favorire il dialogo e il dibattito.

READ  Samsung porta i suoi innovativi smartphone pieghevoli Galaxy Z Fold3 e Galaxy Z Flip3 in Colombia

Afferma inoltre che parte del progetto è “come lavoriamo, come agiamo con le nuove circostanze, come viviamo la situazione che stiamo attraversando oggi con la pandemia”. È, dice, un luogo multidisciplinare, progettato appositamente per generare qualche discussione.

Zarat ricorda che uno dei temi costantemente discussi con l’artista plastico Francisco Toledo, una questione molto apprezzata sin dalla creazione del Museo d’Arte Contemporanea, era il tema dello spazio pubblico. L’idea è sempre stata quella di ricercare il benessere dei pedoni, migliorare le piazze, ripopolare le piantagioni con piante autoctone e rivalutare molte cose legate a questi spazi.

Tanto che la prima mostra allestita da Corazón de guaje comprende opere figurative, sculture e oggetti oltre a due pezzi di arte tessile di eccezionale qualità. Sono due tipi di tessuti misti, molto importanti perché la tecnica con cui sono realizzati recupera un metodo di tessitura che è andato perduto. Su questi pezzi abbiamo collaborato con Remigio Mestas, artista tessile e promotore culturale di Villa Hidalgo Yalálag, nella regione della Sierra Norte.

heart_joji_3.jpeg

Foto per gentile concessione

Luis Zarate annuncia che lui, insieme ai suoi assistenti, sta cercando di adattare le sue idee su questo progetto – che in realtà può essere visitato in via Constitución 303, nel centro di Oaxaca – per vedere cosa possono fare e come possono andare lontano, così come per non creare false aspettative. Per lui si tratta di avviare un dialogo con chi visita e con i creatori che vengono.

L’artista ritiene che prima o poi si orienterà anche verso l’editoria di libri, magari legati a una delle case editrici di Oaxaca. Nel frattempo, prevede di pubblicare presto un libro sull’architettura del paesaggio, intitolato Savia, ink y texturas.

READ  “Test e tracciabilità sono la chiave del successo”

Per lui c’è bisogno di tanti spazi a Oaxaca come il Corazón de guaje, dove diversi creatori nelle rispettive discipline possano presentarsi in sicurezza e rispondere alle nuove forme di convivenza richieste dall’emergenza sanitaria.

“Perché l’uomo non può fermare il suo lavoro culturale, il suo lavoro artistico. La convivenza non può essere fermata. Bisogna saper fare le cose oggi.

“La pandemia è stata un catalizzatore? Sì, penso di sì. Ci sono esempi importanti altrove. Ricordo di aver letto il caso in cui in Spagna hanno rivitalizzato la loro economia, con i loro musei e luoghi culturali come centro, come obiettivo principale. È un modo di perpetuare lo spirito”, spiega Zarate, nato nel 1951 a Santa Catarina Cuanana, distretto Mixtec.

Spiega che in questo progetto un gruppo di sette pittori, maestri tessili e architetti è coinvolto nello sviluppo delle opere di architettura e paesaggistica.

coarazon_guaje_1.jpeg

Foto per gentile concessione

Luis Zarate prevede che oltre a presentare il libro, l’inchiostro e le trame di Savia, lavorano anche al Giorno dei Morti, che è molto importante a Oaxaca, perché vogliono organizzare un’attività, uno spettacolo speciale, in occasione di quella festa .

Hanno anche in programma di offrire alcuni libri, uno dei quali è pensato per i bambini. “Stiamo aspettando la possibilità di mostrare l’apertura di un gruppo di musicisti sperimentali; [nos] Ci adattiamo alle circostanze per non creare un nuovo problema piuttosto che per voler aiutare”.