Ottobre 19, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cosa c’è di nuovo nel giro di vite della Cina sulla criptovaluta?

Inserito:

25 settembre 2021, 00:51 GMT

Le autorità del colosso asiatico hanno annunciato, venerdì, che “tutte le operazioni commerciali relative alle valute virtuali sono illegali e devono essere severamente vietate e soppresse”.

Venerdì la Cina ha intensificato le sue politiche contro le valute digitali, dopo aver confermato che avrebbe lottato duramente nel suo territorio contro le transazioni in criptovalute, che Pechino classifica come metodo di pagamento illegale.

Secondo le autorità del colosso asiatico, negli ultimi anni l’espansione sfrenata di valute virtuali come Bitcoin turbato il sistema economico e finanziariofavorire attività criminali come il riciclaggio di denaro e mettere a serio rischio la sicurezza dei beni di tutti, Raccogliere Agenzia Xinhua.

Cosa c’è di nuovo?

Sebbene la Cina abbia stabilito regole sempre più rigide sulle criptovalute, ora è un nuovo passo, dichiarando illegali tutte le attività ad esso correlate e emettendo un avviso che prevede di essere più rigoroso nell’applicazione delle regole.

“Tutte le operazioni commerciali relative alle valute virtuali sono illegali e Dovrebbe essere severamente proibito e soppresso In conformità con la legge”, si legge in una dichiarazione rilasciata congiuntamente da 10 organizzazioni del colosso asiatico, tra cui Banco Popular, banche, titoli e autorità di regolamentazione valutaria.

La banca centrale del paese ha dichiarato illegale facilitare il commercio di criptovalute e ha annunciato che coloro che lo faranno saranno severamente puniti, anche se lavorano per piattaforme straniere dalla Cina. Nel frattempo, il Consiglio nazionale per lo sviluppo e la riforma lancerà un attacco a livello nazionale contro l’estrazione di criptovalute, nel tentativo di rimuovere l’intero settore, portata Reuters.

READ  Tesla potrebbe ottenere agevolazioni fiscali in India da Benzinga Spagna

La campagna è in aumento

Cina La criptovaluta non è riconosciuta come moneta a corso legaleIl loro sistema bancario non li accetta né fornisce servizi correlati. Sebbene il governo nel 2013 abbia designato il bitcoin come un bene virtuale e abbia dichiarato che le persone potevano liberamente impegnarsi nel commercio online, nello stesso anno i regolatori finanziari, tra cui Banco Popular, hanno vietato alle banche e alle società di pagamento di prestare servizi correlati nella criptovaluta menzionata.

Nel settembre 2017, Pechino ha vietato le Initial Coin Offering (ICO), nel tentativo di proteggere gli investitori e ridurre il rischio finanziario. I regolamenti hanno anche impedito agli scambi di valuta virtuale di convertire la moneta a corso legale in criptovalute e viceversa. Le restrizioni hanno portato alla chiusura della maggior parte di queste piattaforme Molti di loro si sono trasferiti all’estero.

Inoltre, le società finanziarie e di pagamento sono state bandite da altri servizi relativi alla criptovaluta, inclusi i servizi di apertura del conto, registrazione, negoziazione, compensazione e regolamento. A luglio 2018, un totale di 88 cambi di valuta virtuale e 85 ICO erano stati ritirati dal mercato cinese, secondo i dati della banca centrale del paese.

Perché la Cina continua a rafforzare la sua politica contro le criptovalute?

La massiccia impennata del prezzo di Bitcoin e di altre valute nell’ultimo anno ha rivitalizzato il commercio di criptovalute in Cina, poiché gli investitori cercano e trovano modi per aggirare le normative esistenti. Questo accade in un momento in cui Il paese sta cercando di sviluppare la propria valuta digitale ufficiale, con l’obiettivo di diventare la prima grande economia a farlo.

READ  Bizum prevede di raggiungere 20 milioni di utenti nel 2021 | comp

All’inizio di quest’anno, i regolatori del paese asiatico hanno inasprito le restrizioni che impediscono agli istituti finanziari e alle società di pagamento di fornire servizi relativi alla criptovaluta.

Oggi molti investitori nazionali operano su piattaforme di proprietà cinese che si sono trasferite all’estero, come Huobi e OKEx. Intanto, Il mercato delle criptovalute OTC è tornato sulla buona strada, così come le trading room, prima inattive sui social network, sono state rianimate. Gli scambi si concentrano sul colosso asiatico – come Binance e MXC – per consentire ai cinesi di aprire conti online, facilitando al contempo le transazioni peer-to-peer nei mercati OTC che aiutano a convertire lo yuan cinese in criptovalute.

Da parte loro, gli investitori al dettaglio acquistano spesso “potenza di calcolo” dai minatori di criptovalute, che progettano piani di investimento diversificati con la promessa di rendimenti rapidi e sostanziali.

Avrà un impatto sul mercato delle criptovalute?

Le restrizioni annunciate venerdì fanno sì che Bitcoin funzioni cadrà Del 5% solo mezz’ora dopo la notizia. Queste dinamiche si sono riflesse anche in altre criptovalute, facendo scendere Ether dell’8% e XRP di circa il 7%.

Immagine illustrativa

Tuttavia, questo calo è stato meno pronunciato di quanto osservato lo scorso maggio, quando il Consiglio di Stato cinese ha promesso di prenderlo procedure Forte contro il mining di bitcoin.

L’economista Leopoldo Moreno de la Cova ha dichiarato a RT che l’ultimo divieto non influenzerà in modo significativo il prezzo e il futuro delle criptovalute a livello globale. “Il fatto che la Cina stia vietando Bitcoin è… Riafferma il suo potere E la misura della sua indipendenza da stati, entità e individui con grande influenza”.

READ  Questa è City One, un'auto elettrica tedesca economica con batterie rimovibili e intercambiabili - Notizie - Auto ibride ed elettriche

Nel frattempo, alcuni analisti si sono basati su ciò che è accaduto prima per garantire che gli investitori determinati continuino a trovare modi per fare trading. “Anche se i rivenditori in Cina non saranno più in grado di accedere alle piattaforme di scambio online, che ora sono fondi di criptovaluta illegali Potranno trasferire la loro gestione del denaro all’esteroGanesh Viswanath Natraj, assistente professore di finanza presso la Warwick Business School nel Regno Unito, ha detto a Reuters.

Se ti piace, condividilo con i tuoi amici!