Maggio 20, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cosa succede al cervello quando viaggiamo nello spazio?

Cosa succede al cervello quando viaggiamo nello spazio?

Cosa fa il cervello per adattarsi alla mancanza di gravità? Un recente articolo pubblicato sulla rivista da uno scienziato dell’Università di Anversa e dell’Università di Liegi Frontiere in fisiologia Fa luce sui modi in cui le menti scoprono dove sono e dove stanno andando.

Effetti fisiologici della gravità zero

L’Università di Anversa sta conducendo questo progetto scientifico BRAIN-DTI attraverso l’Agenzia spaziale europea. I ricercatori hanno preso i dati della risonanza magnetica (MRI) dal cervello di 14 astronauti prima e diverse volte dopo la loro missione nello spazio (destinata alla Stazione Spaziale Internazionale).

Utilizzando una speciale tecnologia MRI, I dati sono stati raccolti dal cervello di 14 astronauti a riposo. Ciò ha permesso agli esperti di indagare sullo stato ipotetico del cervello e vedere se questo è cambiato dopo un lungo volo spaziale. La raccolta di questi dati in modalità di sospensione garantisce che non vi siano attività che potrebbero influire sulle immagini MRI di ciascun astronauta.

astronautaiStock

Il cervello si adatta

Gli astronauti che viaggiano nello spazio risiedono in un ambiente senza peso, dove le regole di gravità nel cervello non si applicano più. Secondo lo studio, il cervello umano è adattato alla sensazione di assenza di gravità. Connettività funzionale, che è un indicatore di come l’attività in alcune aree del cervello è correlata all’attività in altre e ai cambiamenti in aree specifiche. Le parti di manipolazione visiva e bilanciamento sono state le più coinvolte; In altre parole, erano più attivi allo stesso tempo. E non solo, i suoi effetti persistevano nel cervello degli astronauti per più di otto mesi dopo il loro ritorno sulla Terra.

“Abbiamo scoperto che la comunicazione è stata interrotta dopo il volo spaziale in aree che supportano l’integrazione di diversi tipi di informazioni, piuttosto che occuparsi di un solo tipo alla volta, come informazioni visive, audio o in movimento”.Commento Stephen Gillings e Floris Yates, coautori dell’articolo. “Inoltre, abbiamo scoperto che alcuni di questi modelli di comunicazione alterati sono stati mantenuti durante gli otto mesi di ritorno sulla Terra. Allo stesso tempo, alcuni cambiamenti nel cervello sono tornati al livello di funzionamento delle regioni prima della missione spaziale”.

Anche se è ancora troppo presto per finire di studiare le conseguenze sul cervello viaggio spaziale, Si tratta di scoperte interessanti che aprono la porta a nuove strade di studio per capire se trascorrere più tempo nello spazio sia associato a cambiamenti cerebrali più significativi.

“Comprendere i cambiamenti fisiologici e comportamentali indotti dall’assenza di gravità è la chiave per pianificare l’esplorazione umana dello spazio. Pertanto, mappare i cambiamenti nelle funzioni cerebrali utilizzando tecniche di neuroimaging come fatto in questo lavoro è un passo importante per Preparare la prossima generazione di astronauti per missioni più lunghe”, afferma Rafael Leiège, PhD in Engineering Sciences (ULiège) e coautore dello studio.

riferimento:

Stephen Gillings, Ekaterina Pechenkova, Elena Tomilovskaya, Ilya Rukavishnikov, Ben Uressen, Angelique van Ombergen, Inna Nosikova, Alena Romchiskaya, Lyudmila Litvinova, Jitka Annin, Chloe de Laet, Kathu Schoenmaekers, Victor Sonechersen Barisel, Valentin Sinitsyn, Peter zu Eulenburg, Stephen Loris, Athena Demirtzi, Flores L e Wits. La microgravità prolungata induce cambiamenti reversibili e persistenti nella connettività del cervello umano. Biologia della comunicazione, 2023; 6(1) DOI: 10.1038/s42003-022-04382-w

READ  Non demonizziamo l'uso economico dello spazio pubblico | Globalismo