Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cose da sapere sulla Carta del clima di Glasgow

Pixabay

Conversazioni su clima a partire dal COP26 Dalle Nazioni Unite a Glasgow, il martello è caduto sulla Carta del clima di Glasgow, che è stata approvata da 197 paesi. se lui Accordo di Parigi 2015 Fornendo un quadro per i paesi per affrontare il cambiamento climatico, Glasgow, sei anni dopo, è stato il primo importante test di questa filigrana per la diplomazia globale.

Quello che abbiamo imparato da queste due settimane di dichiarazioni dei leader, proteste di massa e accordi collaterali sul carbone, la moratoria sul finanziamento dei combustibili fossili e la deforestazione, così come Carta del clima Da Glasgow finalmente firmato?

Dalla fase del carbonio alle lacune del mercato del carbonio, ecco cosa devi sapere:

La Carta del clima di Glasgow: progressi insufficienti nella riduzione delle emissioni

La Glasgow Climate Charter rappresenta un progresso incrementale piuttosto che la svolta necessaria per mitigare i peggiori effetti del cambiamento climatico. Il Governo del Regno Unito, in quanto Paese ospitante e quindi Presidente della ventiseiesima sessione della Conferenza delle Parti, ha voluto Sopravvivenza 1,5°C, l’obiettivo più potente dell’Accordo di Parigi. Ma nella migliore delle ipotesi, possiamo dire che l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C continua con la respirazione assistita: ha il polso ma è quasi morto.

Il Accordo di Parigi Dice che le temperature dovrebbero essere limitate a “Molto meno” 2 °C sopra i livelli preindustriali, i paesi dovrebbero “Continua a provare” Per ridurre il riscaldamento a 1,5°C. Prima della COP26, il mondo era Sulla buona strada per raggiungere il riscaldamento di 2,7°C, sulla base degli impegni dei paesi e sull’anticipazione dei cambiamenti tecnologici. Le dichiarazioni fatte alla COP26, inclusi nuovi impegni per ridurre le emissioni in questo decennio da parte di alcuni paesi chiave, hanno ridotto quel numero a La migliore stima è 2,4°C.

obiettivi netti a lungo termine

Altri paesi hanno annunciato obiettivi netti a lungo termine. L’impegno è stato uno dei più importanti dall’India Raggiungere le emissioni nette zero nel 2070. Questo Paese ha affermato che inizierà rapidamente una massiccia espansione delle energie rinnovabili nei prossimi 10 anni in modo che rappresenti il ​​50% del suo utilizzo totale, riducendo le sue emissioni nel 2030 di un miliardo di tonnellate.

READ  Il Venezuela è alla vigilia di un nuovo processo elettorale

Nigeria, un paese in rapido sviluppo, si è inoltre impegnato a zero emissioni nette entro il 2060. Paesi che rappresentano 90% del PIL mondiale Si sono impegnati a raggiungere l’obiettivo di emissioni zero entro la metà di questo secolo.

Il riscaldamento globale di 2,4 gradi Celsius è ancora evidente Lontano da 1,5°C. Ciò che resta da risolvere è il divario di emissioni a breve termine. Le emissioni globali sembrano stabilizzarsi in questo decennio piuttosto che dimostrare i profondi tagli necessari per essere sul percorso di 1,5°C richiesto dall’accordo. C’è un divario tra gli obiettivi a lungo termine di emissioni zero e i piani per ridurre le emissioni per questo decennio.

Glasgow Climate Charter: lasciare la porta aperta per ulteriori tagli nel prossimo futuro

Il testo finale della Carta di Glasgow rileva che gli attuali piani climatici nazionali, i contributi determinati a livello nazionale (NDC), sono lontani da quanto richiesto per raggiungere 1,5°C. Ha anche invitato i paesi a tornare l’anno prossimo con piani nuovi e aggiornati.

In base all’accordo di Parigi, sono necessari nuovi piani climatici ogni cinque anni. Ecco perché Glasgow, cinque anni dopo Parigi (tradita dal Covid-19), è stato un incontro molto importante. Rinviare i nuovi piani climatici al prossimo anno, invece di aspettare altri cinque anni, potrebbe mantenere in vita 1,5°C per altri 12 mesi e dare agli attivisti un altro anno per cambiare la politica climatica del governo. Apre anche la porta alla richiesta di nuovi aggiornamenti NDC a partire dal 2022 per aiutare ad aumentare le ambizioni in questo decennio.

La Glasgow Climate Charter afferma inoltre che l’uso del carbone deve essere gradualmente eliminato, così come i sussidi per i combustibili fossili. La formulazione è più debole di quella delle proposte iniziali, perché il testo finale chiede solo un “riduzione graduale” e non uno “Rimozione” di carbone, a causa di a Inserisci l’ultimo minuto dall’Indiae sussidi “inattivo”. Ma questa è la prima volta che i combustibili fossili sono stati menzionati in una dichiarazione dei colloqui sul clima delle Nazioni Unite.

READ  Pedro Castillo, un governo popolare che distrugge i miti e conquista la fiducia del Congresso della Repubblica del Perù | America

In passato, l’Arabia Saudita e altri paesi hanno rimosso questo problema. Questo è un cambiamento significativo in quanto è stato finalmente riconosciuto che l’uso di carbone e altri combustibili fossili deve essere rapidamente ridotto per far fronte all’emergenza climatica. Il tabù di parlare della fine dei combustibili fossili è stato finalmente rotto.

Glasgow Climate Charter: i paesi ricchi continuano a ignorare la loro responsabilità storica

I paesi in via di sviluppo hanno chiesto finanziamenti per coprire “perdite e danni”, come i costi degli effetti degli uragani e dell’innalzamento del livello del mare. I piccoli stati insulari e i paesi a rischio climatico affermano che le emissioni storiche dei principali inquinanti hanno causato questi effetti e quindi sono necessari finanziamenti.

paesi sviluppati , Guidato da Stati Uniti e Unione EuropeaHanno resistito ad assumersi qualsiasi responsabilità per queste perdite e danni e hanno posto il veto alla creazione di un nuovo Fondo per le perdite e i danni, un mezzo per sostenere gli stati deboli, nonostante le richieste della maggior parte degli stati.

Le lacune del mercato del carbonio possono minare i progressi

I mercati del carbonio possono essere la linfa vitale dell’industria dei combustibili fossili, consentendo loro di rivendicare “compensazioni di carbonio” e avviare attività (quasi) come al solito.

Sei anni dopo, dopo una serie di tortuose trattative, è stato raggiunto un accordo sull’articolo 6 dell’Accordo di Parigi, relativo agli approcci di mercato e non al commercio del carbonio. Le lacune peggiori e più grandi sono state risolte, ma c’è ancora spazio per i paesi e le aziende per farlo Gioca con il sistema.

Al di fuori del processo COP, avremo bisogno di regole più chiare e rigorose Compensazioni di carbonio per le aziende. In caso contrario, le ONG e i media dovrebbero far luce sui casi di compensazione del carbonio nell’ambito di questo nuovo sistema, quando emergeranno nuovi tentativi per colmare queste lacune.

READ  Jair Bolsonaro alle Nazioni Unite: il ministro della Salute brasiliano ha contratto il virus

Ringrazio gli attivisti per il clima per i progressi: le loro prossime azioni saranno critiche

È chiaro che i paesi potenti si stanno muovendo troppo lentamente e hanno preso la decisione politica di non sostenere un cambiamento radicale sia nelle emissioni di gas serra che nei finanziamenti per aiutare i paesi a basso reddito ad adattarsi ai cambiamenti climatici e ad abbandonare l’era dei combustibili fossili.

Ma i suoi residenti, in particolare i sostenitori del clima, stanno esercitando una grande pressione su di loro. In effetti, ci sono state enormi proteste a Glasgow, sia al Friday Youth March for the Future che al World Action Saturday, superando di gran lunga i numeri previsti.

Ciò significa che i prossimi passi per gli attivisti e il movimento per il clima sono importanti. Nel Regno Unito si tenterà di impedire al governo di concedere una licenza per l’esercizio del nuovo Campo petrolifero Al largo della costa settentrionale della Scozia.

Si prevede che ulteriori misure si concentrino sul finanziamento di progetti sui combustibili fossili, poiché gli attivisti vogliono ridurre le emissioni privando l’industria del capitale. Senza questi movimenti che fanno pressione su stati e aziende, anche alla COP27 in Egitto, non fermeremo il cambiamento climatico né proteggeremo il nostro prezioso pianeta.

Fonte: Simon Lewis / Mark Maslin / Conversazione,

Articolo di riferimento: https://theconversation.com/cinco-cosas-que-hay-que-saber-sobre-el-pacto-climatico-de-glasgow-171867,