Settembre 28, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Coughlin Cultural Center: uno spazio per l’arte critica e trasformativa | giornale quotidiano

L’identità del Centro Culturale Coughlin si è formata oltre 10 anni fa su iniziativa di giovani Maldonados associati alla fotografia, all’architettura, alle belle arti e al design, che desideravano avere uno spazio per diffondere l’arte nel dipartimento. Anche per formare un monumento a Marcus Coughlin, il creatore del primo cinema a La Paz, in Bolivia, ed Enrique Coughlin, il primo fotografo a introdurre i marchi Kodak e Arpha in Sud America.

Dagli anni ’70, Tatiana Coughlin, figlia di Enrique, si è stabilita a Maldonado ed è stata lei a fornire le infrastrutture in cui si trova il centro d’arte. Il contatto con i creatori di Tatiana e Coughlin è avvenuto durante una mostra biennale internazionale di arte e fotografia, chiamata Ficciones, che si è tenuta presso la Fondazione Atchugari.

Tuttavia, a parte lo spazio concesso e il contributo dell’architetto venezuelano Manuel Morales – che ha progettato il luogo – il centro è stato impostato come un’organizzazione senza scopo di lucro autogestita senza numero di sponsor, da accreditare a giornale quotidiano Il regista di Coughlin Ignacio Rodriguez.

“In dieci anni ci sono stati molti contributi e cambiamenti di profilo. Abbiamo ascoltato ciò che interessa alle persone che hanno partecipato. Comunque, gli obiettivi continuano molto simili agli obiettivi iniziali, lavorando in campo educativo e artistico. Poi aggiungiamo la comunità come fulcro del programma. Al giorno d’oggi, stiamo anche lavorando con artisti locali sulla creazione di contenuti “, ha descritto Rodriguez.

Centro Culturale Coughlin a Maldonado.

Centro Culturale Coughlin a Maldonado.

Foto: Natalie Gonzalez

Attualmente a Coughlin si stanno formando persone di Maldonado, San Carlos e Punta del Este. Alcuni arrivano in bici, altri in auto di fascia alta, ci sono persone che si iscrivono ai corsi con l’obiettivo di esprimersi artisticamente, altri che lo considerano un hobby e altri che risparmiano soldi stagionali per potersi pagare il corso. Ciò consente loro di lavorare, ha indicato il regista. Al di là della diversità dei fatti, “l’idea è che quando si attraversa il centro, ovunque si trovi, si verifica una trasformazione nelle persone”, ha detto.

“È possibile che una volta entrati a Coughlin si trovino altre strade espressive e sostanziali. Quando agli studenti viene chiesto cosa vogliono fare, si spostano in ambiti diversi da quelli con cui sono partiti. Insomma, l’arte contemporanea oggi è interdisciplinare ,” Egli ha detto.

Rodriguez ha confermato che Coughlin ha una “visione critica” del suo “servizio di produzione artistica”. Per questo motivo, la vena curatoriale resiste alla creatività artistica che ruota attorno a un tema o un’idea proposta dagli insegnanti o dal comitato direttivo. Nelle parole di Rodriguez: “Non progettiamo la nostra programmazione per tema perché ci sembra che imponga una logica istituzionale alla creazione”.

“L’arte contiene questa cosa misteriosa: da un lato è piena delle tradizioni delle istituzioni, e dall’altro compaiono nuove forme d’arte che appaiono fuori e combattono con lo status quo. Nel mercato dell’arte troveremo lo status quo : quella che una volta era una ribellione è diventata un prodotto in vendita.D’altra parte, in spazi come Coughlin, che non sono né pubblici né privati, c’è quella parte dell’arte che non è stata contemplata dal mercato e che non viene ufficializzata attraverso le politiche pubbliche”.

Centro Culturale Coughlin a Maldonado.

Centro Culturale Coughlin a Maldonado.

Foto: Natalie Gonzalez

Il suggerimento di Coughlin

Dal punto di vista didattico, offre corsi informali di fotografia, laboratorio digitale, post-produzione fotografica, produzione audiovisiva, montaggio e montaggio, laboratorio analogico in bianco e nero, intensa progettazione grafica, preparazione costumi e canto. A livello terziario, Coughlin offre una laurea in Fotografia e Risorse visive. I corsi sono pagati ma c’è accesso a borse di studio che vengono assegnate da fondi competitivi e sostegno da parte di individui.

Inoltre, per Inefop si tengono corsi di formazione professionale. Lavoriamo principalmente con lavoratori con assicurazione contro la disoccupazione. È bene poter dare la risposta allo studente che vuole la formazione in modo che possa essere uno strumento di lavoro, ma cerchiamo anche di dare uno sguardo critico affinché diventi non solo qualcosa di utilitaristico, ma dia altre possibilità di comunicazione. ”

Il programma artistico del centro consiste in un laboratorio per la formulazione di progetti artistici e sociali e un accompagnamento alla formazione di artisti plastici a cura del coordinatore messicano Jorge Bellapes e della direttrice culturale Pia Sosita e finanziato dal Ministero dell’Istruzione e della Cultura. Rodríguez ha spiegato che si trattava di accompagnare 20 artisti di Maldonado e Rocha, per un anno, a produrre prodotti e progetti, sia a Kavlin che negli spazi pubblici del dipartimento.

D’altra parte, ci sono corsi di musica che si svolgono in inverno e in estate e un corso chiamato Reunions che si tiene ogni venerdì, che propone spazi intimi per lo scambio e la riflessione su cinema, musica e letteratura, tra le altre discipline.

Un progetto che è stato sospeso durante la pandemia è stato il programma di residenza degli artisti, che consiste in un artista uruguaiano in viaggio all’estero e, allo stesso tempo, un artista di un altro paese che arriva a Maldonado per fare arte e lavoro comunitario nel regioni. Il programma è uscito di nuovo e include l’alloggio, parte del cibo, i trasporti e l’uso delle strutture dei centri. Il primo scambio sarà tra Bogotà e Maldonado.

La Fondazione Coughlin propone un programma comunitario per generare istanze di dialogo tra i vari attori della città e per coinvolgere i cittadini nello spazio pubblico. In questo quadro vengono realizzate diverse attività, come la campagna di accoglienza e la Giornata dei bambini, e il programma di rete di sostegno per raccogliere cibo e vestiti per le persone più colpite dall’epidemia.

Si tengono inoltre incontri di lettura e riflessione teorica e filosofica, la Galleria Wabi che mette in mostra il lavoro dei produttori locali; Restauro del Paseo de las Américas e coproduzione di attività di interesse pubblico con gruppi e organizzazioni.

Kavlin si trova nel quartiere Jardines de Córdoba di Maldonado. Negli spazi aperti è possibile contemplare l’esposizione permanente di sculture di giovani artisti dell’Uruguay e della regione. Il centro invita inoltre a presentare progetti internazionali per la fotografia e le arti visive.

READ  Questo è il primo grande rinnovamento di Paint da anni