Settembre 28, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

COVID-19: la Spagna raggiunge il 70% della sua popolazione vaccinata | Comunità

La Spagna ha raggiunto l’obiettivo principale fissato dai governi di tutto il mondo per affrontare l’epidemia, che è la vaccinazione con il programma completo Contro il Corona virus per il 70% della popolazione. Lo ha fatto come previsto martedì, anche se il rapporto giornaliero della campagna del dipartimento della salute non lo rifletterà fino a questo mercoledì poiché raccoglie le informazioni del giorno precedente. Secondo questi dati, la Spagna lunedì ha terminato poco più di 200.000 linee guida complete dal bypassare la fase principale, mentre la previsione – basata sulle prime dosi vaccinate nelle ultime settimane e sul tasso di vaccinazione negli ultimi giorni – completerà martedì circa 300.000.

I cittadini sono in totale 33,24 milioni e sulla scena internazionale stanno emergendo gli sforzi senza precedenti del sistema sanitario pubblico. Con 47,45 milioni di abitanti, la Spagna è al 27° posto nella lista dei paesi più popolosi. Secondo l’Oxford University Repository, nessuno con un numero di vaccinazioni simile o superiore è stato in grado di vaccinare più velocemente Il nostro mondo nei dati. L’unico paese che si è avvicinato è stato il Canada con il 67%. Poi bisogna scendere al numero 60, occupato dal Cile, per trovare un Paese di oltre 10 milioni di persone con una percentuale simile di popolazione protetta. E nell’83°, dove c’è il Portogallo, a raggiungere una di queste dimensioni con record migliori (73%).

Tutti gli altri che hanno raggiunto questo traguardo prima hanno popolazioni molto più piccole – Danimarca, Uruguay, Islanda, Malta … – mentre i più vicini e comparabili, come Italia, Francia e Germania, riescono a malapena a superare il 60%. E i paesi che hanno iniziato la vaccinazione prima a causa dei loro accordi con le aziende farmaceutiche – Stati Uniti, Regno Unito e Israele – sono stati significativamente più lenti. A causa della riluttanza di una parte della sua popolazione a vaccinare.

“La Spagna ha iniziato con alcuni vantaggi rispetto ai paesi vicini, come una maggiore fiducia nel sistema sanitario e Migliore accettazione del vaccino”, spiega il sociologo Josep Lopera, professore all’Università Autonoma di Madrid (UAM) e uno degli esperti che settimana dopo settimana hanno progettato e modificato la strategia di vaccinazione dalla presentazione della vaccinazione al Ministero della Salute.

L’associazione degli spagnoli con il loro sistema sanitario e vaccini ha le sue radici nell’era franchista, quando la poliomielite affliggeva ancora duramente i bambini mentre la malattia si era già placata a nord dei Pirenei. “Questo ritardo rispetto ad altri paesi e all’importanza della salute pubblica è un ricordo per le generazioni che vivono nella nostra vecchiaia”, descrive Lopera.

READ  Indagine sulla repressione della polizia sugli immigrati haitiani negli Stati Uniti

Tuttavia, questa posizione di partenza non sempre garantisce buoni risultati. “È qualcosa di cui prendersi cura perché stiamo affrontando processi molto dinamici in cui diversi fattori sono interconnessi e hanno un effetto valanga. Se hai dei dubbi ma il tuo ambiente è immune, alla fine lo fai anche tu. E al contrario. È vero che abbiamo una buona copertura per i bambini, ma la riluttanza iniziale al Corona virus era forte.Questo doveva essere evitato come causa di scontro politico, perché questo aumenta l’esitazione. Spicca anche la solidarietà, perché attraverso la vaccinazione ti proteggi, ma tu proteggere anche i deboli, nell’interesse di alcune persone che fanno il passo degli anziani o della società», conferma Lopera.

Ma gli esperti insistono che non tutto è ancora fatto. Che ci sono ancora più di cinque milioni di persone in Spagna da vaccinare E che se è necessaria una terza dose su scala abbastanza ampia a causa della variante delta, non vi è alcuna garanzia di successo ripetuto. Questa variabile è il motivo per cui raggiungere il 70% della popolazione vaccinata non è più sufficiente per ottenere l’immunità di gregge. Gli esperti sono ora divisi tra coloro che credono che sarà impossibile da raggiungere e coloro che credono che sia possibile farlo se si raggiunge una copertura superiore all’85%.

Miguel Hernan, professore di epidemiologia all’Università di Harvard, vede la Spagna come favorita da due fattori: “Un buon sistema sanitario e l’assenza di rilevanti movimenti antivaccini. Se si guardano le curve per Israele, Regno Unito e Spagna, sono molto simili nella loro prima fase. È vero che hanno iniziato a crescere in mesi. Diversi, ma ciò era dovuto alla disponibilità di vaccini in ogni paese. E mostra che questa forza iniziale ti è data da un buon sistema sanitario, simili nei tre Paesi sotto questo aspetto, in grado di condurre un’efficace campagna di vaccinazione”.

Ma con il passare delle settimane, il panorama ha cominciato a cambiare. “In Israele, a fine febbraio o inizio marzo, la curva ha iniziato ad appiattirsi a causa del rifiuto dei vaccini, principalmente per motivi religiosi. Nel Regno Unito ci sono altri motivi di esitazione, ma esistono, e la stessa cosa è successa poche settimane più tardi. Fortunatamente. Non in Spagna”, aggiunge Hernan.

Sebbene le sacche di popolazione siano molto più piccole, le sacche di popolazione si sono consolidate nelle ultime settimane in cui la vaccinazione non progredisce quasi mai, specialmente tra i 30 ei 69 anni – è ancora non rilevabile tra i giovani perché la vaccinazione continua ad avanzare. Una stima approssimativa, accettata dagli esperti e tenendo conto che non esiste un vaccino approvato per i bambini sotto i 12 anni (11% della popolazione), indica che tra due e tre milioni di persone sono riluttanti a ricevere la vaccinazione in Spagna (fino al 6% dei cittadini).

READ  Bolsonaro guiderà il dibattito brasiliano sui diritti degli indigeni alle Nazioni Unite

È un gruppo molto eterogeneo, che comprende antivaccinatori apertamente, coloro che hanno dubbi sulla loro sicurezza e altri che sono indifferenti. “Quelli che si oppongono apertamente e risolutamente ai vaccini sono pochissimi, anche se ora stanno facendo molto rumore sui social. È uno spazio in cui domina il grigio, con atteggiamenti critici”, spiega il sociologo Mar Guerrera, ricercatore dell’Università Autonoma di Barcellona (UAB), che non sempre finisce con una bocciatura.

Prima della pandemia, spiega, queste posizioni erano spesso difese da un assaggio di aderenti a terapie alternative e critiche alla medicina tradizionale e alla classe media. È un gruppo che utilizza i social network, ma preferisce spostarsi in altri ambiti. La discussione pubblica era molto piccola. La situazione è cambiata negli ultimi mesi, con l’emergere di profili legati all’estrema destra e più attivi. I due gruppi vengono tenuti separati, anche se in certi momenti possono scontrarsi, come le critiche alle mascherine nelle scuole», aggiunge Griera.

Queste incertezze sui vaccini hanno notevolmente complicato l’andamento della campagna in altri paesi. In Francia, Germania, Italia e Regno Unito per anni, la riluttanza a vaccinare ha indebolito la copertura dei bambini ed è diventata un problema di salute pubblica che ha permesso il riemergere di malattie come il morbillo. Il governo italiano, che attribuisce la lenta vaccinazione allo stop causato dalle vacanze, sta mettendo il 60% della popolazione che ha già ricevuto le due dosi. La Francia, uno dei paesi più scettici sulla vaccinazione, ha alzato tale percentuale al 65% (59% secondo Our Data Scientist) in una campagna che è stata pesantemente criticata fin dall’inizio per il suo avvio lento e ha vissuto il suo stato più teso. Estate con le proteste contro Uso obbligatorio del pass vaccinale per la vita sociale.

Anche la Germania difficilmente supera il 60% e sta testando formule per aumentare la copertura, come un treno per pendolari che circola a Berlino da lunedì con i medici vaccinati con la formulazione monodose di Janssen. Nel Regno Unito, il 10 agosto, il primo ministro britannico Boris Johnson ha celebrato il “grande successo nazionale” che tre adulti su quattro nel Regno Unito hanno un programma di vaccinazione completo, anche se se si tiene conto della popolazione britannica, tale percentuale scende a meno del 65%, secondo Il nostro mondo nei dati.

READ  Assassinio di Jovenel Moyes: deliberato, coinvolgimento degli Stati Uniti e connivenza del personale di sicurezza

Gli Stati Uniti e Israele, insieme al Regno Unito, erano i paesi in cui la vaccinazione era iniziata prima. Tuttavia, nel primo caso il ritmo è rallentato per diversi mesi e ha protetto a malapena il 52% della popolazione. Miguel Hernan attribuisce questo fatto ad alcuni attori, come il Partito Repubblicano, che “implicitamente, e talvolta esplicitamente, sostengono la non vaccinazione”. La variante delta è stata preparata principalmente negli stati repubblicani come il Texas e la Florida, dove le misure di protezione sono quasi inesistenti. Il tasso è molto più alto in Canada, dove il 67,5% della sua popolazione è già stato vaccinato.

In Israele, sono le questioni religiose e i giovani della sua popolazione che hanno ostacolato la vaccinazione. È stato uno dei primi paesi ad avviare la campagna e a marzo aveva già vaccinato metà della sua popolazione, ma da allora è riuscita solo ad aumentare tale percentuale al 62%. Quasi un quarto degli israeliani ha meno di 12 anni e il 12% di quelli oltre quell’età – in particolare le minoranze arabe di origine palestinese e gli ebrei ultra-ortodossi – ha rifiutato di essere vaccinato.

In America Latina, le differenze tra i paesi sono molto scarse. L’Uruguay, con il 72% della sua popolazione immunizzata, è tra i paesi più avanzati del mondo, mentre il Messico ce l’ha fatta a malapena con 33 milioni dei suoi 126 milioni (26%). In questo caso le difficoltà logistiche e un sistema sanitario molto debole sono aggravate dal ritardo nell’ottenimento delle dosi dovuto al monopolio dei paesi ricchi e alla difficoltà di penetrazione del vaccino in alcune aree e popolazioni remote.

In Asia solo tre paesi piccoli e ricchi sono riusciti a varcare la soglia del 70%: Singapore, Qatar ed Emirati Arabi Uniti. La Cina al 62%, il Giappone non raggiunge la metà della popolazione e la Corea del Sud arriva a malapena al 30%. La media nel continente è del 29%, che scende a meno del 3% in Africa.

con informazioni da Silvia Ayuso, Inma Bonet, Rafa de Miguel, Antonia Laborde, Carmen Moran, Lorena Bacho, Juan Carlos Sanz e Elena J Siviglia.