Febbraio 8, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Covid in Cina può riaccendere i colli di bottiglia e fermare l’inflazione Da Investing.com

©Reuters.

Di Karjuan Cruz

Investing.com – I campanelli d’allarme stanno suonando mentre i casi di Covid in Cina salgono ancora una volta a livelli senza precedenti. Si teme che le nuove restrizioni per far fronte a questa situazione complichino ancora una volta le catene di approvvigionamento, che sono state una delle ragioni principali dell’aumento dell’inflazione a livello globale.

Per cinque giorni consecutivi, la Cina ha registrato un numero record di infezioni domestiche, con 40.052 lunedì. E le nuove misure di contenimento che potrebbero essere applicate hanno scatenato proteste e scontri in diverse città del Paese asiatico, come Shanghai, Pechino e Wuhan.

“Ciò che questo significa per noi è che l’inflazione non tornerà rapidamente al 2%”, ha affermato Mohamed El-Erian, economista e presidente del Queen’s College di Cambridge.

“Ora potremmo avere un problema in cui l’inflazione si blocca intorno al 4%”, ha detto l’esperto in un’intervista televisiva. El-Erian è anche consulente economico senior di Allianz (ETR:), la società madre di PIMCO.

Per l’economista, le interruzioni in Cina potrebbero continuare ancora per molto e mettere l’economia ancora una volta a rischio di cadere nella stagflazione.

“Le catene di approvvigionamento non possono essere ricollegate dall’oggi al domani”, ha ribadito.

“Temo che ciò possa costituire una ripetizione delle trappole analitiche e comportamentali emerse nella sfortunata chiamata all’inflazione dello scorso anno e le cui conseguenze non abbiamo ancora superato”, ha aggiunto l’esperto.

Infatti, l’aumento dei casi di Covid in Cina, e le proteste che ne sono scaturite, preoccupano i mercati in termini di impatto che potrebbe avere sulla seconda economia mondiale e sulla performance globale.

L’incertezza sulla Cina ha fatto scendere il mercato oggi, perdendo quasi 500 punti, cedendo 60 punti o 1,50%, in calo di 169 punti o 1,51%.

READ  Huawei scommette sulla diversificazione digitale di fronte alle sanzioni dell'UE