Ottobre 2, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Creatore pentito: Marta Kaufmann, La mente degli amici che si rammarica delle sue decisioni

Nessuno obbliga il creatore a riconsiderare il suo lavoro. Per anni, la sceneggiatrice e produttrice Marta Kaufman non ha ripetuto nessuno dei suoi episodi gli amici. Questo è durato fino a quando un giorno è stato in un hotel con sua figlia e, dati i pochi titoli in lingua inglese disponibili sulla TV nella sua stanza, ha scelto di rivedere la fine della popolare sitcom che aveva creato con David Crane nel inizio. dagli anni Novanta

Il regista è rimasto stupito nel rivisitare l’addio di Rachel, Ross, Monica, Chandler, Phoebe e Joey. “In realtà ero felice di essere stata colpita. Sono rimasta sorpresa e felice di esserne ancora influenzata”, ha detto a USA Today nel 2019.

Foto: Gerald Weinman/NBCU Photo Bank/NBCUniversal tramite Getty Images tramite Getty Images

Ha anche detto allo stesso punto vendita che “Ogni volta che guardo un episodio, c’è qualcosa che vorrei poter cambiare”. Alla domanda su un aspetto della serie che l’avrebbe cambiata se fosse stata prodotta oggi anziché tra il 1994 e il 2004, si è concentrata su un punto specifico:Immagino che a quel tempo non avessimo alcuna conoscenza delle persone transgenderquindi non sono sicuro che stiamo usando i termini giusti”.

Il commento era rilevante per il modo in cui è stata interpretata l’immaginaria Helena Handbasket (Kathleen Turner), la donna transgender presentata nella storia come il padre di Chandler (Matthew Perry). Un punto che ha attirato critiche negli ultimi anni, soprattutto perché il personaggio è descritto nella storia come gay e drag queen, piuttosto che trans.

Ora Kaufman ha scosso di nuovo la controversia: in un’intervista su un nuovo episodio del podcast The Conversation della BBC (che sarà presentato in anteprima l’11 luglio), sottolinea che avevano torto a offrire il ruolo di “padre” di Chandler. I pronomi non erano ancora qualcosa che capivo. Quindi non ci riferiamo a quel personaggio come “esso”. Questo è stato un errore“, È per spiegare.

READ  L'epico gioco di ruolo che esiste da 40 anni e ha una lista d'attesa per farti giocare

La colpa per la sua catena è intesa alla luce di un contesto più ampio. La sceneggiatrice ha appena annunciato di aver donato 4 milioni di dollari alla Brandeis University (Waltham, Massachusetts), il campus dove lei stessa ha insegnato, con l’obiettivo di creare la Marta F. Kauffman Chair 78 for African and African American Studies. Un’iniziativa volta a promuovere lo studio dei popoli e delle culture dell’Africa e della diaspora africana.

“Voglio così profondamente e profondamente questa connessione con la comunità nera che non ho mai avuto. Lan gli amicinon l’ho mai raggiunto”, ha provocato in una conversazione con il Los Angeles Times.

In breve, dopo il potere del movimento Black Lives Matter nel 2020 e la conseguente messa in discussione di serie, film e altri prodotti culturali, Kaufman oggi è d’accordo con coloro che sostengono che la presenza nera della serie sia stata una rarità, a cominciare da Genesis. Dell’esagramma principale, tre donne e tre uomini, tutti bianchi. E il suo contributo a quell’istituto accademico è un modo per correggere questo squilibrio. O inizia a “correggere il corso”, ha detto.

gli amici È stato criticato in vari modi. Soprattutto, non avevamo abbastanza rappresentazione nera. E negli ultimi anni ho raggiunto il punto che ho raggiunto Posso dire con tristezza “Sì, ne sono colpevole”“, ha spiegato sul podcast The Conversation. “Ovviamente ho fatto parte del razzismo sistemico nel nostro lavoro. Non ne ero a conoscenza Ciò che mi fa sentire stupido“, Ha aggiunto.

Una volta una sceneggiatrice ha descritto la sua creatività come “calda e accogliente”, un’opzione che il pubblico continua a preferire “invece del tipo duro e mediocre di una soap opera”. Ma le sue parole rivelano un cambiamento. La sua opinione è attualmente tra le più significative espresse da un responsabile di un’icona televisiva delle dimensioni di un’icona gli amici.

READ  Candidato pubblicitario e contenuto del marchio per i Joya Awards
Questa immagine fornita da HBO Max mostra Matt LeBlanc, a sinistra, Matthew Perry, Jennifer Aniston, Courteney Cox e Lisa Kudrow in una scena dello speciale “Friends”. (Terence Patrick/HBO Max tramite AP)

Ma per qualche motivo Quelle opinioni scomode e taglienti non trovavano posto in esse Amici: riunioneLo speciale HBO Max in cui il cast originale e i creatori si incontrano di nuovo per parlare dell’eredità della produzione e rivedere i suoi momenti più memorabili.

A 104 minuti, c’è stata l’apparizione di star che non avevano alcun legame apparente con la finzione (BTS, Justin Bieber, Kit Harington, tra gli altri), ma qualsiasi punto su ciò che avrebbe potuto essere fatto meglio durante le sue 10 stagioni è stato rimandato.

“Non so nemmeno come avremmo potuto gestirlo nel corso di quell’incontro, entrando in tutte le cose che avevamo sbagliato. Ce n’erano altre”, ha detto Kaufman al Los Angeles Times.

Con le parole che ha ripetuto nel tempo, gli amici Era una serie su “quel momento della tua vita in cui i tuoi amici sono la tua famiglia”. L’ispirazione sullo schermo ha ottenuto risultati straordinari, ma anche questo, secondo la sua analisi del presente, ha portato a errori che non potevano essere evitati in sicurezza.