Febbraio 8, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Credit Suisse estende la ripresa del mercato azionario mentre il suo default assicurativo è ancora sotto pressione | mercati

Le azioni Credit Suisse sembrano aver toccato il fondo dopo essere scese del 70% dai massimi annuali. La finanziaria elvetica, immersa in una radicale ristrutturazione della sua banca d’affari e in due aumenti di capitale che spera di fermare la crisi finanziaria e reputazionale che sta attraversando, ieri è salita del 3,1% che si aggiunge al 9,2% rivalutato in questo periodo. Venerdì. Anche se la riduzione accumulata quest’anno ha finora raggiunto il 63,6%.

In attesa dell’inizio delle negoziazioni delle sue nuove azioni venerdì 9 dicembre – spera di raccogliere 4.000 milioni di franchi svizzeri (circa 4.027 milioni di euro), di cui 1.850 milioni di franchi svizzeri sono stati offerti a investitori qualificati e altri 2.150 milioni di franchi svizzeri saranno già essere collocato tra gli azionisti – l’entità ha beneficiato nei giorni Quest’ultimo a causa della possibilità di cambiare rotta dopo la forte correzione che ha subito.

Venerdì scorso, il capo dell’entità, Axel Lehmann, ha riconosciuto che la liquidità della banca sta migliorando, poiché il deflusso di attività da parte dei clienti che temono gli sviluppi del mercato e lo status dell’entità si è interrotto.

Lehman ha riconosciuto che “è stata una tempesta nel settore della vendita al dettaglio e in parte nel settore della gestione patrimoniale, in particolare in Asia, dove avevamo già avuto enormi deflussi per due o tre settimane”.

Durante il fine settimana è stato anche riferito che il principe saudita Mohammed bin Salman potrebbe iniettare circa 500 milioni di dollari attraverso la Banca nazionale dell’Arabia Saudita per sostenere la nuova divisione, CS First Boston. Un ingresso che si aggiungerà all’iniezione già effettuata, dalla Banca nazionale dell’Arabia Saudita, che ha investito 1.500 milioni di franchi svizzeri per raggiungere una quota del 9,9% nel capitale di Credit Suisse.

READ  Gli utili del Grupo Bimbo sono aumentati dell'11,9% nel terzo trimestre | Aziende messicane

Questo nuovo franchise americano si occuperà di assemblare l’attività di consulenza della banca, società con la quale manterrà un accordo a lungo termine. Oltre al principe saudita, sarebbe interessato anche Atlas Merchant Capital, l’ex ceo di Barclays Bob Diamond. Il Credit Suisse ha aperto le porte alla presentazione del proprio piano di ristrutturazione per entrare nel capitale di questa società a investitori terzi o addirittura per offrirla al pubblico.

Nonostante questi sviluppi, il mercato non ha ancora revocato la sanzione inflitta all’assicurazione contro le insolvenze del Credit Suisse. I Payment default swap (CDS), il derivato creditizio a copertura del rischio di insolvenza del debito di un’entità finanziaria, hanno toccato a fine novembre il record storico di 444 punti base a causa delle voci di un imminente collasso dell’entità diffuse sui social media. Reti e forum Internet. “Tempesta sui social network”, come ha ammesso lo stesso Lehmann, che è ancora ben lungi dal tornare ai livelli pre-crisi. I CDS ora vengono scambiati a 400 punti base, ma stanno ancora accumulando il 600% nell’anno.

Pressioni di mercato sulle banche europee

Gli investitori non hanno ancora allentato la pressione sui CDS del Credit Suisse, ma ha colpito il resto del settore bancario, che alla fine di novembre è stato colpito anche dai dubbi degli investitori sullo status dell’istituto finanziario svizzero. È il caso dell’assicurazione contro le inadempienze di Deutsche Bank, che ad agosto ha superato i 183 punti base raggiungendo la media di 113 punti. Allo stesso modo, i credit swap di UBS sono passati da 132 punti base a 80,6 in poco più di un mese e mezzo. Société Générale ha registrato un calo ancora maggiore, quasi dimezzandosi dai massimi di metà ottobre.

READ  Il petrolio apre venerdì in rialzo; L'OPEC+ accelera la produzione