Giugno 28, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Crescita delle vendite farmaceutiche dell’11% a marzo

Il Industria farmaceutica Si è chiuso un anno intero con numeri di domanda positivi in ​​Spagna in un contesto segnato da una nuova fase nella lotta alla pandemia di Covid-19. Il Indice delle cifre aziendali Per l’industria farmaceutica è cresciuta a 11 per cento A marzo rispetto allo stesso momento dell’anno precedente, che rappresenta Dodicesimo mese consecutivo con incrementi.

Dati forniti da Istituto Nazionale di Statistica (INE) conferma un trend particolarmente positivo in primo trimestre dell’anno Quando la differenza cumulativa in 15,9 per centograzie ai buoni risultati di gennaio che ci hanno permesso di abbandonare la moderazione della fase finale del 2021. Un aumento che coincide anche con Un rimbalzo del manifatturiero in questi mesi.

Se guardiamo le statistiche Differenza mensile Anche il settore farmaceutico ha segnato un leggero aumento rispetto al saldo di febbraio. saltare da 0,3 per centosecondo le statistiche del settore che includono i fattori di correzione su Influenze stagionali e calendario.

Il nuovo aggiornamento INE ha confermato la buona situazione in cui si trova il settore. Per trovare un numero negativo nella serie tra gli anni, dobbiamo tornare a marzo 2021 Quando l’indicatore del fatturato della produzione di farmaci si è chiuso con Un risultato negativo dell’1,5 per cento. Da allora non ha smesso di crescere e ha visto picchi forti Luglio anche Novembre.

Industria farmaceutica nella media nazionale

Il settore farmaceutico Nel mese di marzo è cresciuto ad un ritmo pari a quello di tutte le attività industriali operanti in Spagna. Indice di brillantezza dei numeri aziendali generali in a Aumento dell’11,3%. Con cadenza annuale nel mese di marzo, salvo adeguamento alle peculiarità del calendario. Anche la tendenza è simile, per un importo 13 mesi consecutivi di dati positivi.

Il settore che ha recuperato di più a marzo è il settore Cokerie e raffinazione del petrolio da chi è saltato 93,1 per cento In un momento segnato dalla crisi energetica derivante dall’invasione dell’Ucraina. Anche il settore è cresciuto fortemente pelle e scarpe (28,2 per cento), da mezzi di trasporto (28,7 per cento), da carta (21,8 per cento) o chimica (18,1 per cento).

Al crocevia simile allo sviluppo della produzione farmaceutica, ci sono settori importanti come Legna (12,8 percento) Tessile (11,8 per cento), il Metallurgia (11,2 per cento), il alimentare (10 per cento), il prodotti in metallo (9,5 percento) o informatici (9 per cento).

Dall’altra parte delle statistiche, gli scarsi risultati di Fabbricazione di automobili, rimorchi e semirimorchi che ha recitato Perdita del 18,1%. delle sue vendite nel mese di marzo o fabbricazione I macchinari e le attrezzature di NEC Che ha lasciato il 4,8 per cento.

Sebbene possa contenere dichiarazioni, dichiarazioni o note di istituzioni sanitarie o professionisti, le informazioni nella scrittura medica sono curate e preparate dai giornalisti. Raccomandiamo al lettore di consultare un professionista della salute per qualsiasi domanda relativa alla salute.

READ  Come investireste se si raggiungesse il picco di inflazione nei prossimi sei mesi?