Agguato a Roma, uomo ferito in centro

Due uomini su una moto hanno sparato tre colpi d’arma da fuoco

Ancora un agguato a Roma: il quarto che avviene in pieno centro dall’inizio dell’anno. Un pregiudicato romano di 48 anni, Paolo Marcoccia, è stato ferito all’addome da due o tre colpi di pistola, dopo aver parcheggiato la sua Cinquecento nera in piazza Nicosia. Poi i suoi aggressori, che erano a bordo di uno scooter, sono scappati. Gli investigatori stanno seguendo diverse piste ed è possibile che si tratti di un regolamento di conti. Paolo Marcoccia, che gestisce una sala giochi assieme al fratello (quest’ultimo è proprietario del locale), è stato raggiunto da due persone con il volto coperto dai caschi a bordo di uno scooter. Uno dei due ha esploso tre colpi con una pistola a tamburo, ferendolo all’addome. Un agguato dove gli aggressori hanno agito con freddezza, rapidi e sicuri. Proprio di fronte, all’incrocio tra via di Ripetta e via della Scrofa, c’é un piano bar affollato. La vittima è stata subito trasportata al vicino ospedale Santo Spirito, dove è stato operato. Non sarebbe in pericolo di vita. Marcoccia ha alle spalle diversi precedenti, per associazione a delinquere, gioco d’azzardo, stupefacenti e rapina. Nelle prossime ore l’uomo sarà interrogato dalla polizia, che indaga sulla vicenda. L’agguato a Marcoccia è solo l’ultimo di una serie di fatti di sangue avvenuti durante l’anno a Roma. Il primo a gennaio: a piazza Monte della Pietà fu gambizzato il trentenne Flavio Simmi, poi ucciso nel quartiere Prati a luglio. Nello stesso quartiere, davanti al Teatro delle Vittorie era stato assassinato l’imprenditore Paolo Ceccarelli. (ansa)