Al via il corso di Karate organizzato per l’Oratorio Benedetto XVI di Platania

È iniziato, nei giorni scorsi, un corso di Karate organizzato per l’Oratorio Benedetto XVI “Un tesoro per tutti”. Il corso a cadenza settimanale ed in modo del tutto gratuito,  si tiene ogni giovedì dalle ore 15 alle ore 17 nelle palestra della locale Scuola Media “Felice Mastroianni” messa a disposizione dall’Amministrazione comunale e prevede un percorso educativo per contrastare quelli che sono i veri pericoli dell’infanzia: insicurezza, isolamento dai compagni, scarsa autostima, ansia da prestazione, disprezzo delle regole e mancanza di divertimento. L’iniziativa nasce dalla concreta collaborazione tra la parrocchia San Michele Arcangelo del piccolo centro del Reventino e Cosimo Leoci e Manuel Lestingi,  agenti della Guardia di Finanza di Lamezia Terme, che, accettando le nuove sfide educative,  intendono mettere a diposizione le loro abilità e competenze specifiche nel campo del Karate al fine di educare le nuove generazioni, attraverso la gioia del fare sport.
Il corso di karate si avvale anche della collaborazione di monsignor Giuseppe Ferraro, che ha speso e dedicato gran parte della sua vita di sacerdote  alla missione della educazione e formazione dei giovani  seguendoli con bontà, pazienza e competenza. «Educare – sottolinea don Pino Pino Latelli – è la sfida del futuro per la Chiesa e per la società. Questa interessante nuova attività oratoriale si colloca pertanto nel quadro di un progetto redatto  per l’educazione dei giovani. L’attuale emergenza educativa potrà trovare nelle attività sportive uno stimolo e una risposta decisiva per l’educazione dei giovani e per la promozione della persona umana». 
La responsabile dell’Oratorio Maddalena Cimino ha sottolineato che «il vero problema dei nostri giorni è l’emergenza educativa. Sono convinta – sostiene la Cimino – che lavorare in rete e insieme con agenti della guardia di finanza è dare risposte concrete a questa sfida educativa: in questo diffuso bisogno di educazione completa della persona, gli adulti devono seriamente fare la loro parte avendo il preciso dovere di essere guide autentiche e sicure e di esempio ai giovani».
Anche l’agente Cosimo Leoci, nel ringraziare i responsabili dell’oratorio che sostengono senza sosta ogni iniziativa volta a educare  i bambini anche con le attività sportive, ha affermato che «far conoscere l’antica ed importante  arte del Karate  ai bambini, è offrire la possibilità di praticare uno sport unico, pieni di valori come disciplina, il rispetto, l’impegno e  l’osservanza delle regole».
Lina Latelli Nucifero