Antiracket Lamezia su attentato Sud Lavaggi: “Non ci fermiamo”

LAMEZIA TERME – “I due giovani aspiranti ‘ndranghetisti che ieri sera hanno gravemente danneggiato gli impianti della Sud Lavaggio di proprietà della famiglia di Antonio Butera, hanno commesso un grave errore di valutazione”.  Ed ancora più grave l’errore commesso da chi li ha mandati, che Antonio Butera lo conosce certamente meglio. Perché Antonio in quel quartiere difficile che è Capizzaglie ci è nato, cresciuto e vi ha sempre lavorato. A testa alta, senza mai piegarsi.

E lui, la sua famiglia e tante altre famiglie per bene di quel quartiere, con questi piccoli o grandi ´ndraghetisti non hanno mai voluto avere niente a che fare, ma proprio niente. Hanno invece costruito il loro lavoro con sacrificio e la loro vita nel rispetto di principi e valori ben più alti.

Lo stanno dimostrando anche oggi che, sebbene colpiti, sono tutti lì a lavorare, in silenzio, per consentire all’azienda di continuare a produrre lavoro e ricchezza, anche e soprattutto per le persone che da questa attività riescono a trarre sostentamento.

È questo il grande errore di valutazione di queste vili menti, MAI Antonio Butera si sarebbe piegato a qualsivoglia richiesta. Lo ha già dimostrato nel passato e continua a dimostrarlo oggi, essendo per noi tutti, soci dell’associazione antiracket, un grande esempio di correttezza e laboriosità.

Questi “giovani aspiranti ´ndranghetisti” invece, tra poco cominceranno a costruire la loro vita frequentando per qualche anno (sempre pochi in ogni caso), qualche carcere italiano. E magari finire, come tanti altri in passato, uccisi da qualche loro coetaneo in una qualsivoglia guerra di ´ndrangheta che periodicamente si sviluppa nella nostra città.

Le forze dell’ordine hanno dato fino ad oggi ampie prove sulle loro capacità di intelligence e di presenza attiva e fattiva sui nostri territori. Forse è tempo che altri marcino allo stesso passo e consentano a tutti noi di poter vivere in modo più sereno. Forse e senza forse si sarebbe potuto evitare questo gravissimo danno che ha colpito Antonio Butera, la sua famiglia e tutti i dipendenti della Sud Lavaggio”.