Assolto ultras lametino che non si presentò alla firma

Mario Marinelli, 25 anni ultras lametino, è stato assolto perchè il fatto non sussiste. Questa la decisione di Angelina Silvestri, giudice monocratico del tribunale di Lamezia Terme. Marinelli era accusato di non aver rispettato l’obbligo di comparire presso il commissariato di Lamezia Terme in orario compreso nel periodo di tempo in cui si svolgevano le partite della Vigor Lamezia. Un obbligo che al giovane, poichè colpito da provvedimento Daspo, gli era stato disposto in seguito al provvedimento del questore di Catania del 5 ottobre 2007 notificato al giovane il 27 dicembre del 2007 e convalidato dal gip di Catania il 31 dicembre del 2007. Alla fine però il giovane è stato assolto poichè, secondo quanto sostenuto dal difensore Antonio Larussa, Marinelli in quel periodo si era presentato al commissariato di Roma e non a quello di Lamezia. Tutto ciò infatti per la difesa comportava un difetto di modalità della presentazione al commissariato ma non l’inosservanza dell’obbligo.