Belmonte Calabro, “Con il Teatro non si mangia”: il 5 maggio in scena “Una disubbidienza straordinaria”

BELMONTE CALABRO – “Una disubbidienza straordinaria” della compagnia I.A.C. di Matera, tratto da “Il mondo salvato dai ragazzini” di Elsa Morante, andrà in scena all’Ex Convento di Belmonte Calabro all’interno della rassegna “Con il teatro non si mangia”, sabato 5 maggio, ore 20.30.
Con Una disubbidienza straordinaria si vuole aprire uno sguardo sul teatro per le bambine/i e le ragazze/i. Provare a crescere e far maturare i “nuovi spettatori”.
La storia di Carlotta, studentessa delle medie di Berlino, ragazzina ariana che, di fronte all’ordinanza di portare la stella gialla per tutti i Giudei, risponde con una disubbidienza straordinaria. Da quel giorno uscirà di casa con la stella gialla in petto, come una rosa e presto tutti a Berlino indosseranno la stella gialla.
Proponiamo uno spettacolo, dal testo “Canzone finale della stella gialla detta pure la Carlottina” che con leggerezza e profondità è uno straordinario inno all’allegria anarchica oltre che una forma di denuncia di tutte le forme di totalitarismo.
Crediamo sia importante far conoscere questa canzone di Elsa Morante, la sua ambizione di incidere nella realtà attraverso la scrittura poetica e popolare, soprattutto a quel pubblico da lei amato: i ragazzini, i giovani, i nuovi, che sono ancora capaci delle rivoluzioni impossibili.
IAC – Centro Arti Integrate è pensato come un luogo in cui si possano incontrare differenti linguaggi artistici coinvolgendo il più possibile la comunità. Conduce attività di formazione teatrale rivolta a bambini, adolescenti, anziani, persone in difficoltà.
Dal 2013 e per tutto il 2014 IAC è coinvolta nel processo di candidatura della città di Matera a Capitale Europea della Cultura per il 2019. Dal 2016 organizza Nessuno Resti fuori. Festival di teatro, città e persone.
Tra i suoi fondatori Nadia Casamassima e Andrea Santantonio.
La rassegna, giunta alla quarta edizione, “con il Teatro non si mangia” e dedicata ai “nuovi” spettatori. La rassegna, ideata da Paola Scialis e Stefano Cuzzocrea, riprende e rilancia sotto forma di domanda l’utilità del teatro, il suo essere necessario, ma è anche porre in azione nuove modalità di fruizione e di audience development.
La rassegnasi svolgerà ancora negli spazi dell’Ex Convento, spazio che ha saputo rigenerarsi e diventando luogo di accoglienza per residenze creative e che vuole diventare uno spazio teatrale.