Calabria: arresti in provincia di Catanzaro per furto sabbia

S.ANDREA AP. DELLO JONIO: COLTI IN FLAGRANZA A RUBARE SABBIA MARINA SUL LITORALE. ARRESTATE TRE PERSONE.

Nella prima mattinata di oggi 14 luglio, i carabinieri della stazione di Badolato traevano in arresto i tre fratelli Claudio CHIARAVALLOTI, cl. ’69, Umberto cl.’78, e Patrizio cl.82, tutti residenti a Davoli (CZ), poiché ritenuti responsabili di furto aggravato di sabbia marina. I militari, impegnati fin dalle prime luci dell’alba in controlli alla circolazione stradale, nonché attività di pattugliamento lungo la costa jonica, notavano, sulla ss 106 nel comune di Sant’Andrea, un autocarro colmo di sabbia che destava subito la loro attenzione. Invitato l’autocarro a fermarsi, notavano che la sabbia trasportata era chiaramente del tipo marina, mentre il conducente (uno dei tre fratelli CHIARAVALLOTI), asseriva essere materiale inerte, prodotto di scarto dei lavori di pulizia, autorizzati dal Comune di Isca sullo Ionio, che stavano effettuando lungo la costa. Non convinti delle spiegazioni e volendo vederci chiaro, i militari approfondivano i controlli riuscendo a risalire alla provenienza della sabbia: si portavano, così, sul litorale di Isca sullo Jonio e all’altezza del campeggio “La mimosa” ove vi erano gli altri due fratelli CHIARAVALLOTI, con un escavatore. I carabinieri, dunque, dopo aver fatto scaricare la sabbia trasportata dall’autocarro fermato poco prima, appurando trattarsi di sabbia “pulita” e non prodotto di scarto traevano in arresto i tre fratelli CHIARAVALLOTI, poiché ritenuti responsabili del reato di furto aggravato. I tre venivano accompagnati presso gli uffici della Compagnia di Soverato per gli accertamenti di rito e, su disposizione dell’Autorità giudiziaria, sottoposti a giudizio per direttissima nel primo pomeriggio, al termine del quale il giudice del Tribunale, convalidava gli arresti senza irrogare misure cautelari attesa l’incensuratezza dei tre.