Castrovillari, Ambiente: sequestrati parte frantoio e tratto corso d’acqua

CASTROVILLARI – La Capitaneria di porto di Corigliano Calabro ha sequestrato 1.300 metri quadrati di piazzali di un frantoio la cui attività, secondo quanto è emerso dalle indagini, era fonte di inquinamento. Nell’ambito della stessa attività di controllo è stato sequestrato un tratto di circa 700 metri del torrente San Mauro e alcune macchine industriali. L’intervento della Capitaneria di porto è scattato dopo che era segnalata una colorazione anomala delle acque del torrente. È stato effettuato un sopralluogo che ha portato alla scoperta, in corrispondenza del muro perimetrale di un frantoio ubicato nella zona, di un tubo dal quale fuoriusciva liquido nero. È stato possibile accertare così che lo strano liquido maleodorante proveniva proprio dalla lavorazione delle olive e in particolare dal lavaggio delle stesse nell’ambito del processo di molitura. I presunti responsabili dello scarico di reflui industriali non autorizzato sono stati segnalati alla Procura della Repubblica di Castrovillari.