CATANZARO: un arresto per reato di rapina impropria

passalacqua_marco_400

Il malvivente non riusciva però a cogliere di sorpresa la vittima che, accortosi che qualcuno stava sottraendogli l’autovettura, allo scopo di bloccare l’azione furtiva, afferrava lo sportello in un istintivo quanto disperato gesto di difesa. Il malvivente non desisteva affatto, anzi, ingranava la marcia e accelerava la corsa pur di impossessarsi dell’auto, incurante delle grida disperate della vittima che veniva trascinata a forte velocità sul manto stradale dalla corsa della vettura, aggrappata allo sportello. La folle corsa durava per oltre 500 metri, lungo i quali il malvivente trascinava con sè la vittima, aggrappata allo sportello, senza badare alle altre auto che lo incrociavano lungo la strada, che sfrecciavano a pochi centimetri dal malcapitato rischiando di ucciderlo investendolo. Il malvivente, non pago di esporre a rischio la vita della vittima, cercava di liberarsene per guadagnare la fuga e l’impunità colpendolo più volte al volto e alle mani, fino a costringerlo a mollare la presa. Il malcapitato rovinava a terra subendo lesioni che lo costringevano alle cure del locale Pronto Soccorso.

In questi momenti di concitata colluttazione, la vittima riusciva a vedere bene in volto il malfattore e le immediate indagini avviate dagli investigatori, facevano sì che si individuasse quale autore del delitto il PASSALACQUA Marco, residente presso l’accampamento rom di Germaneto. Individuato il reo, gli operatori, al termine di assidue ricerche, lo rintracciavano, nella tarda serata di ieri, in Girifalco (CZ), dove aveva trovato riparo nei pressi dell’abitazione di alcunin conoscenti.
Decisiva alla cattura del responsabile si è dimostrata la collaborazione, pronta e certa, della vittima del delitto che, dopo avere tentato una strenua quanto disperata difesa, denunciava l’accaduto consentendo agli investigatori l’individuazione del malvivente.

Dopo le formalità di rito il PASSALACQUA è stato associato presso la locale Casa Circondariale, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.