CINQUEFRONDI: la morte arriva a 210 Km all’ora. 6 morti nel reggino in uno scontro frontale

incidente_mortale_cinquefrondi_400

cinquefrondi_-_tachimetro_incidente_mortale_400Sei vite spezzate, tutte della locride. A bordo della Mini Cooper quattro giovani di Siderno: Luigi Mory, 26 anni; Giuseppe Figliomeni, 25 anni; i fratelli Napoleone e Gabriele Luciano rispettivamente di 30 e 23 anni. Si stavano recando a Rosarno per assistere alla partita di calcio della squadra del cuore.
Le altre due vittime sono Pasquale e Francesco Barbaro, 53 e 29 anni, padre e figlio di Platì.
L’incidente si è verificato al Km 15+700, annotano sui propri taccuini gli agenti della Polizia Stradale e i vigili del fuoco, tra i primi ad intervenire sul teatro della tragedia. Il dramma all’altezza di Cinquefrondi. Chi è arrivato si è trovato davanti uno scenario terribile. Due giovani balzati via dall’abitacolo della Mini Cooper e scaraventati in un burrone alla profondità di almeno 40 metri, i cui corpi sono stati rinvenuti a una decina di metri uno dall’altro: uno frenato da un albero, l’altro a ridosso di una casa cantoniera. Tutti e quattro sfigurati. Identico tremendo destino per padre e figlio. Incastrati e schiacciati nella Yaris 2schiacciata come fosse scatoletta metallica.
“Uno scontro frontale” si limitano a spiegare gli inquirenti. Sulla dinamica del sinistro nemmeno un’ipotesi. Solo un elemento non può essere sottaciuto: il tachimetro della MIni Cooper è stato rinvenuto sull’asfalto bloccato a quasi 210 Km/h. Responsabilità e cause le certificheranno gli agenti della Stradale.
L’unico dato certo è che le due autovetture viaggiavano in direzione di marcia opposta. La Mini Cooper verso Rosarno, la Yaris verso Marina di Gioiosa Jonica. I primi soccorritori hanno confermato che l’asfalto era viscido per la pioggia del mattino e che la visibilità era normale salva un pò di foschia.
La strada, a causa dei detriti veicolari sparsi ovunque, è stata completamente interdetta al traffico fino a tarda serata. Impossibile collegare attraverso la 682 Jonio con Tirreno. Per i veicoli provenienti dall’A/3 deviazione obbligatoria a Polistena. Allo svingolo di Mammola in direzione Rosarno.