Conferenza stampa di presentazione del progetto FOOD@LIFE

fondazione-terina

In sintesi, i laboratori che saranno implementati e resi operativi grazie al progetto costituiranno una struttura permanente d’innovazione, di riferimento per le imprese e per il mondo della ricerca, con spiccata capacità di autofinanziamento ed a respiro internazionale.
L’Infrastruttura prenderà corpo attraverso il potenziamento dell’esistente struttura di ricerca – nata dalla pluriennale collaborazione scientifica tra la Fondazione Mediterranea Terina (unico ente di ricerca regionale e braccio operativo di riferimento della Regione Calabria) ed il Dipartimento di Agraria (ex- Facoltà di Agraria) dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria che, nel tempo, ha aderito, partecipando attivamente, al network tematico della ricerca nell’ambito strategico dell’agroalimentare.
Nell’ambito del progetto, la Fondazione ha avviato il Corso di Alta Formazione, al termine del quale la Regione Calabria potrà contare su 5 “manager della ricerca”, 4 “business manager” ed 11 “ricercatori” specializzati in qualità sicurezza degli alimenti e nutraceutica, profili professionali altamente innovativi tratteggiati tenendo conto della domanda d’innovazione (espressa e/o latente) del sistema economico in generale ed agroalimentare della Calabria in particolare, con l’obiettivo di supportare l’implementazione della nuova conoscenza nelle imprese e, quindi, il recupero di competitività per avere nuove opportunità di penetrazione sui mercati in uno con la crescita delle performance di creazione di nuova conoscenza da parte delle infrastrutture di ricerca sul modello europeo quale è quella che sarà presentata nel corso della conferenza stampa.
Nelle intenzioni del Commissario straordinario, avv. Pasqualino Scaramuzzino, e della Responsabile scientifica, prof.ssa Mariateresa Russo, l’intera area della Fondazione Mediterranea Terina diverrà un luogo nel quale verrà svolta ricerca d’altissimo profilo scientifico, verranno contemporaneamente resi visibili i risultati raggiunti, così che tutti gli stakeholder si possano rendere conto di come vengono utilizzati i fondi pubblici erogati e verranno incubate imprese create da giovani talenti.
Un luogo, insomma, nel quale far convergere migliaia di visitatori ogni anno, un vero e proprio campus, nel quale giungeranno – grazie anche alla Foresteria che nell’ambito dell’iniziativa è oggetto di potenziamento – giovani studenti, ricercatori ed imprenditori in uno scambio di conoscenze ed esperienze che costituirà un valore aggiunto per tutta la Calabria.
La Fondazione, insomma, sta pervicacemente evolvendosi verso quella che è la sua vera anima, vale a dire essere un formidabile strumento di supporto all’attività della regione Calabria nell’ambito del sistema dell’agroalimentare calabrese e di tutto il suo indotto economico. IL COMMISSARIO STRAORDINARIO – avv. Pasqualino Scaramuzzino