Cosenza, alla Provincia un Convegno di GalaScreen su “Donna… una vita in rosa”

COSENZA – Nella Giornata Internazionale della donna, alla Provincia di Cosenza si è parlato di prevenzione e salute, aspetti psicologici della donna, nuove prospettive e ruolo delle donne nel trasferimento tecnologico.
Un convegno interessante, “Donna… una vita in rosa”, proposto da GalaScreen – Società che ha per oggetto la promozione della salute umana.
A fare gli onori di casa, nella splendida cornice del Salone degli Specchi del Palazzone di Piazza XV Marzo, il Vice Presidente della Provincia Mario Bartucci che, nel portare i saluti istituzionali e gli auguri di buon lavoro, non ha mancato di sottolineare l’importanza di «un’iniziativa nata e sviluppata all’interno dell’Università della Calabria, grazie a professionisti che hanno investito il proprio tempo per trasformare un’idea innovativa in un vero e proprio progetto d’impresa. Un’eccellenza tutta calabrese della quale essere orgogliosi, che si occupa di studi clinici, ricerca e sviluppo di biomarcatori, per realizzare kit diagnostici e di screening in campo medico con le più alte tecnologie di biologia molecolare e che è in grado di testare fino a ottocento target in unica reazione, grazie ai macchinari di cui dispone».
Per Bartucci si tratta di un ausilio e un aiuto importante al clinico, ma anche una grande risorsa in termini di ricerca e sviluppo, ragion per cui «questa nuove frontiere della scienza non possono lasciare indifferenti il mondo clinico e quindi scientifico, ma neanche le Istituzioni pubbliche che – ciascuna per le proprie competenze – devono essere vicine e sostenere in tutti i modi possibili queste positività ed eccellenze che rappresentano la forza dei nostri territori».
Dopo i saluti istituzionali, Maria Cristina Caroleo ha curato la presentazione di GalaScreen (Spin/off Università della Calabria). A seguire, Roberto Cannataro con “La Nutrizione: ‘Siamo quello che mangiamo’; Maria Teresa Inzitari e Teresa Iona si sono occupate di “Women and physical activity: come perdurare la primavera della vita”; Maria Lucente ha analizzato “Gli aspetti psicologici della donna: adolescenza, maternità e menopausa; ed è toccato poi a Rita Citraro parlare delle “Nuove prospettive: Microbioma e Gravidanza”. Le conclusioni sono state affidate a Marika Passarelli, che ha esaminato “Il ruolo delle donne nel trasferimento tecnologico”.