Cosenza, la compagnia Frosini/Timpano con “Acqua di colonia” per il secondo appuntamento del “More”

COSENZA – “Acqua di colonia” è un piccolo capolavoro di ironia. Candidato al Premio Ubu 2017 come miglior nuovo testo italiano, lo spettacolo della compagnia Frosini /Timpano andrà in scena per il secondo appuntamento del “More – La scena contemporanea a Cosenza” giovedì 21 dicembre alle 20.30 al Teatro Morelli.
Ideata e diretta da Scena Verticale in partenariato con il Comune di Cosenza, la Regione Calabria e il MiBACT, la stagione del More continua con proposte sempre attente al contemporaneo e alle compagnie emergenti. Nell’epoca dei migranti “Acqua di colonia” non è di certo una soluzione di oli eterici, bensì un viaggio nella storia del colonialismo e nella nostra dilagante ignoranza che rompe le barriere del perbenismo e i falsi miti. Una storia rimossa e negata, che dura 60 anni, inizia già nell’Ottocento, ma che nell’immaginario comune si riduce ai 5 anni dell’Impero Fascista. Cose sporche sotto il tappetino, tanto erano altri tempi, non eravamo noi, chi se ne importa. È acqua passata, acqua di colonia, cosa c’entra col presente? Eppure ci è rimasta addosso come carta moschicida, in frasi fatte, luoghi comuni, nel nostro stesso sguardo. Vista dall’Italia, l’Africa è tutta uguale, astratta e misteriosa come la immaginavano nell’Ottocento; Somalia, Libia, Eritrea, Etiopia sono nomi, non paesi reali, e comunque “noi” con “loro” non c’entriamo niente; gli africani stessi sono tutti uguali. E i profughi, i migranti che oggi ci troviamo intorno, sull’autobus, per strada, anche loro sono astratti, immagini, corpi, identità la cui esistenza è irreale: non riusciamo a giustificarli nel nostro presente. Come un vecchio incubo che ritorna, incomprensibile, e ci piomba addosso come un macigno.
Elvira Frosini e Daniele Timpano sono autori, registi e attori della scena contemporanea italiana che dal 2008 condividono un comune percorso artistico. Tra i lavori di Timpano prima del sodalizio ricordiamo: Dux in scatola (2006), finalista al “Premio Scenario” e “Vertigine”, e Reperto#01 (2006). Dal 2008 inizia la loro unione artistica dando vita ad importanti progetti: Sì l’ammore no (2009) finalista al “Premio Dante Cappelletti/Tuttoteatro.com”; Risorgimento pop (scritto con Marco Andreoli, del 2009); Ciao bella (2010); Digerseltz (2012); Aldo morto – tragedia (2012) vincitore del “Premio Rete Critica” 2012. Dux in scatola, Risorgimento Pop e Aldo morto sono stati tradotti e presentati a Parigi. Nel 2013 hanno realizzato con il Teatro dell’Orologio di Roma e Fondazione Romaeuropa il progetto Aldo morto 54 “vincitore del Premio Nico Garrone 2013”. Nell’autunno 2012 hanno iniziato a lavorare sul nuovo progetto Zombitudine.

Crediti

FROSINI / TIMPANO
Acqua di colonia (100’) *

testo, regia, interpretazione Elvira Frosini e Daniele Timpano
consulenza Igiaba Scego
voce del bambino unicef Sandro Lombardi
aiuto regia e drammaturgia Francesca Blancato
scene e costumi Alessandra Muschella e Daniela De Blasio
disegno luci Omar Scala
produzione Romaeuropa festival, Teatro della Tosse, Accademia degli Artefatti
con il sostegno di Armunia Festival Inequilibrio
si ringrazia c.r.a.f.t. centro ricerca arte formazione teatro