Costa Concordia: sospese definitivamente le ricerche dei dispersi

costacrociera

Dopo aver fatto tutta una serie di valutazioni è stato dunque ritenuto che “oggettivamente sono venute meno le condizioni operative di sicurezza per gli operatori in corrispondenza di tutte le zone sommerse”. In ogni caso, la decisione finale – che al momento viene data per scontata – verrà presa dal Comitato consultivo della struttura del commissario per l’emergenza.


Mancano all’appello ancora 16 persone

Sono 17, uno dei quali ancora da identificare, i morti accertati del naufragio dello scorso 13 gennaio. Ancora 16 persone mancano all’appello. Intanto non sono ancora ripresi i lavori preparatori all’estrazione dai serbatoi delle quasi 2.400 tonnellate di carburante, interrotti nei giorni scorsi a causa del maltempo.


Si prosegue a cercare nelle parti emerse

Proseguiranno, invece, le ricerche nella parte emersa della Concordia per verificare alcune zone dello scafo e si continuerà a scandagliare in maniera ancora più mirata i 18 chilometri quadrati di mare perlustrati nei giorni scorsi con l’obiettivo di verificare se gli “obiettivi” individuati possano corrispondere ai corpi delle persone ancora disperse. (tgcom)