GdF CETRARO (CS) – maxi sequestro. Trovate cinque piantagioni di marijuana di tipo SKUNK

002

{gallery width=109&height=80&title=GdF Cetraro – sequestro stupefacenti}/images/calabria/Cronaca/GdF_Cetraro_sequestro_stupefacenti/{/gallery}

I finanzieri della Compagnia di Paola e della Brigata di Cetraro sono stati coadiuvati dagli elicotteri del Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Vibo Valentia che, sistematicamente, effettuano il monitoraggio di quelle zone del territorio calabrese che si prestano a coltivazioni illegali di marijuana.
Si tratta di zone molto impervie, difficilmente individuabili da terra e di difficile accesso perché situate su costoni scoscesi o circondate da foltissima vegetazione.
La produzione illegale, poi è favorita dalle condizioni climatiche che rendono floride le piantagioni e dallo stato selvaggio dei terreni.
Il sequestro di oggi ha consentito di sottrarre ai sodalizi criminali circa 3000 piante di marijuana di tipo skunk, che avrebbero fruttato, al dettaglio, circa 7 milioni di euro.
Sono in corso indagini volte a risalire alla proprietà dei terreni, nonché individuare responsabilità in capo agli utilizzatori di fatto dei suoi coltivatori, che alla vista degli elicotteri si sono dileguati nella fitta boscaglia.
Il blitz delle Fiamme Gialle s’inserisce in una serrata attività di prevenzione e repressione riguardo alla produzione alla coltivazione e allo spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare nella fascia tirrenica cosentina, dove la cannabis non conosce crisi.
Dalla scorsa estate, infatti, i mezzi aerei delle Fiamme Gialle hanno segnalato in Calabria 20 piantagioni illegali di sostanza stupefacente, ove sono state sequestrate circa 8000 piante di cannabis.