Giocatore di giorno, rapinatore di notte

maicon_oliva

Una carriera, forse, compromessa dall’attività delinquenziale posta in essere. Un arresto che ha però sorpresi tutti, sia chi conosce il calciatore fra i compaesani di Scalea, ma anche fra chi ha avuto frequentazioni nell’ambito sportivo. Eppure gli elementi raccolti dai carabinieri sembrano non lasciare dubbi, i confronti fra le videoriprese di sorveglianza e gli abiti ritrovati a casa del giovane corrispondono.

Tre rapine messe a segno nella stessa giornata. Si tratta di circa trecento euro alla Z Gas, al confine di Scalea, qualche migliaio di euro alla Q8, lungo la Statale 18 sempre a Scalea, e altrettanto denaro, alla precedente rapina effettuata nelle prime ore del pomeriggio di lunedì a Santa Domenica Talao, presso l’unico distributore.

I carabinieri della Stazione di Scalea, supportati da quelli della locale Compagnia, a conclusione di serrate indagini hanno rintracciato e sottoposto a fermo d’indiziato di delitto il ventunenne che ha origini brasiliane,  ma è residente da tempo a Scalea dove vive con una famiglia del posto.
Il giovane ha anche un piccolo precedente  per una rissa avvenuta nell’anno 2009. I militari, dalle immagini estrapolate dal circuito di videosorveglianza dell’ultimo distributore rapinato sono riusciti ad arrivare al presunto responsabile. Seppur travisato da passamontagna le indicazioni hanno portato al calciatore. Il fermo è stato effettuato a Vibo Valentia, mentre Maicon faceva allenamento.

Nello stesso tempo i carabinieri, nell’abitazione di Scalea, hanno rinvenuto e sequestrato gli indumenti, il coltello, ed il passamontagna compatibili con quelli videoregistrati. Anche la refurtiva è stata ritrovata e sequestrata. Verifiche in atto per la presenza di eventuali complici.